Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Storie di giovani che cambiano le cose: lo Strike di Lea Ballerina

Lea Ballerina, poco più di vent’anni. C’è anche lei tra i dieci finalisti della VI edizione di Strike, il bando che premia giovani under 35 che hanno inseguito e raggiunto un piccolo-grande sogno e che trovano un palco per raccontare la propria storia e ispirare positivamente i coetanei. Lea è una ragazza innamorata della danza, nonché una ballerina professionista che da qualche anno ha dato vita ad un progetto di divulgazione culturale incentrato sul mondo della danza.

In Lea, l’amore per questa disciplina nasce prestissimo. «Ho iniziato danza a 5 anni in una piccola scuola del mio paese, per poi proseguire presso un istituto più professionale, dove ho delineato concretamente il desiderio di diventare una ballerina». Decide quindi di proseguire gli studi all’Accademia Ballettschule Theater Basel, con sede a Basilea, dove dopo tre anni si diploma come ballerina professionista. Un sogno raggiunto, a cui seguono tante, tantissime audizioni presso compagnie di danza. Perseverante, Lea riesce finalmente ad entrare in una piccola compagnia: un momento sicuramente felice ma su cui presto si allungherà qualche ombra. «Ho capito che qualcosa non andava. Mi sentivo inadatta: circondata da rincorse assurde verso il fisico perfetto, che spesso causano gravi disturbi alimentari, e da una competitività estenuante e negativa, avvertivo chiaramente che quello non era il mio posto nel mondo, che qualcosa mancava». Lea reagisce attingendo alle sue risorse, soprattutto alla sua innata capacità di intrattenere e aiutare gli altri, e inizia un nuovo progetto, su misura per lei.

Nasce così l’idea di aprire il canale YouTube Semplifichiamo la danza insieme, dove si parla di danza, ma della danza secondo Lea. «Innanzitutto, con i miei video voglio aiutare i giovani ballerini a trovare il loro posto nel mondo. Inoltre parlo di cultura e di danza a 360 gradi, con l’obiettivo di comunicare un’arte meno elitaria e per far trasparire la sua bellezza e la sua purezza, troppo spesso macchiate dalla ricerca del fisico assoluto, nonché da troppa competitività e poca inclusività». Un progetto per aiutare gli altri, quindi, ma anche per continuare a crescere in prima persona. «Semplifichiamo la danza insieme mi consente di sostenere i giovani ballerini – spiega infatti Lea – ma allo stesso tempo mi dà la possibilità di continuare a crescere personalmente, da un punto di vista culturale e artistico». Continua infatti a studiare sia come insegnate di danza, seguendo corsi di formazione, sia attraverso ricerche in merito alla cultura della danza. Per avere una formazione completa, si è anche laureata in un indirizzo di Lettere e Filosofia che riguarda l’arte, il cinema e lo spettacolo.

«La mia storia – conclude – credo possa essere di ispirazione ai giovani ballerini e ai giovani in generale perché da un momento di sconforto in cui non riuscivo a capire quale fosse il mio posto del mondo, invece che arrendermi o voltare le spalle a una passione così grande che mi aveva dato così tanto ho deciso di crearmelo da sola il mio posto nel mondo, con tanto studio, tante ricerche e tanta costanza. Tutto queto, per aiutare i più giovani».

“Strike” è promosso da Agenzia per la Coesione Sociale della Provincia Autonoma di Trento e Fondazione Franco Demarchi e realizzato con la collaborazione di Cooperativa Mercurio, Cooperativa Smart e Fondazione Antonio Megalizzi, con il supporto di Gruppo ITAS Assicurazioni (main sponsor), LDV20 – Sparkasse, Vector, Favini e con la partecipazione di Loison. Tutti i video degli Striker sono disponibili sul sito www.strikestories.com.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022