Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Storie di giovani che cambiano le cose: lo Strike di Fabio Catania

«Il mio Strike è un cipollotto giallo con i superpoteri». Il ricercatore del Politecnico di Milano Fabio Catania, seduto non alla scrivania ma sulla scrivania, inizia così il racconto del percorso che l’ha portato alla creazione di Emoty, un personaggio animato con la capacità di sfruttare gli algoritmi per il riconoscere le emozioni espresse attraverso la voce. Fabio, 27 anni, è uno dei tre vincitori a pari merito, oltre che premiato dai voti del pubblico, del bando Strike 2020, un’iniziativa che invita ogni anno i giovani tra i 18 e i 35 anni a diventare Striker, condividendo in un breve video un traguardo di cui sono orgogliosi, ispirando così con il loro esempio i coetanei e non solo.

La storia di Fabio è emblematica di una fase che molti giovani si trovano ad affrontare: quel periodo nella vita in cui ti domandi che vuoi farne del tuo futuro e non sai bene che pesci pigliare. Come spesso accade, proprio in questi momenti avviene qualcosa di inaspettato che ti indica il percorso, se sai restare aperto e ricettivo alle opportunità che ti si presentano. È il 2017, Fabio studia Ingegneria informatica e sta per laurearsi. Per la tesi lavora ad un progetto che combina algoritmi, modelli matematici e reti neurali per il riconoscimento delle emozioni umane espresse dalla voce. «Una roba da nerd», scherza Fabio, e noi non possiamo certo contraddirlo, ma è proprio qui che viene il bello.

Fabio racconta della sua tesi a Monica, un’amica psicoterapeuta che gli fa una proposta inaspettata: sperimentare il suo prototipo durante le sessioni di terapia di Federica, una ragazza con la sindrome di down che ha difficoltà ad esprimere le emozioni. Detto fatto. Già alla prima sessione, avviene qualcosa di speciale. Monica chiede a Federica di recitare diverse frasi cercando di esprimere le sue emozioni. L’intelligenza artificiale messa a punto da Fabio analizza quel che dice Federica e le comunica l’esito: hai espresso bene le emozioni o puoi migliorare ancora un po’. «Purtroppo – ricorda Fabio – quando Federica ha recitato una frase arrabbiata il sistema non ha funzionato e il feedback non arrivava. Al 4° o 5° tentativo, Federica si è girata verso di me e mi ha detto “Per questa volta passi, ma se la prossima volta non funziona io mi arrabbio davvero!”. A Monica si sono illuminati gli occhi». All’inizio Fabio non ne capisce il motivo, ma Monica gli spiega poi che con quella frase Federica aveva dimostrato di sapere cosa fosse la rabbia, di essere consapevole di fingere di provare quell’emozione e, ultimo ma non meno importante, di poter controllare le proprie emozioni. Tutte capacità che non si possono in alcun modo dare per scontate con persone con disregolazione emotiva.

«L’entusiasmo ha contagiato anche me, che ho continuato a lavorare sul progetto ed proprio così è nato Emoty», l’interfaccia animata del sistema disegnata proprio a forma di cipollotto giallo. Da allora, Emoty è diventato il centro della ricerca di Dottorato di Fabio, attirando l’attenzione di IBM e Google, ed è già in uso in tre centri terapeutici milanesi come supporto alla terapia per la regolazione emotiva. «Il superpotere di Emoty non è solo quello di sfruttare gli algoritmi per il riconoscimento delle emozioni per aiutare gli altri. È anche quello di avermi fatto capire che è proprio aiutare gli altri quello che anche io voglio fare nella vita. La mia aspirazione è mettere a disposizione Emoty di quante più persone possibili: Scuole, Centri terapeutici, associazioni». Un bello Strike no?

“Strike” è promosso da Agenzia per la Famiglia, Natalità e Politiche Giovanili (APF) della Provincia Autonoma di Trento e Fondazione Demarchi in collaborazione con Cooperativa Mercurio e Smart. Tutti i video degli Striker sono disponibili sul sito www.strikestories.com.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022