Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Orgoglio e pregiudizio: trame occidentali

Doverosa premessa: non sono mai stato nell’Est Europa. So che Praga è meta di quasi tutti i viaggi d’istruzione (o viaggi distruzione?) al culmine della scuola superiore, ma a me non è toccata questa sorte. Anni fa mi sono spinto in Slovenia per qualche ora, ma non credo possa essere catalogata come “Est Europa”. Per cui il viaggio che ho avuto occasione di fare in Polonia di recente ha rappresentato una novità anche sotto questo punto di vista.

Seconda e altrettanto doverosa premessa: quanto segue rappresenta il mio sentire, la mia percezione e – sì, lo ammetto – anche i miei pregiudizi. Non c’è l’intenzione di far passare il mio sentire come il sentire generale, i miei pregiudizi come i pregiudizi di tutte le persone che si avvicinano alla Polonia. Sono (solo) riflessioni personali.

Quando ti avvicini alla Polonia senza essere mai stato lì o in qualche altro Paese est-europeo, ti aspetti di trovare in tutto delle pesanti tracce di Unione Sovietica. Sarà probabilmente il fatto che i paesi della parte orientale dell’Europa ci sono molto meno noti di quelli occidentali: le televisioni ne parlano più raramente, i film che vediamo solitamente non li considerano come location, sono mete forse meno frequentate turisticamente. Insomma, sembra che la storia – per chi va in quei posti per la prima volta, senza essersi un minimo informato prima – si sia fermata alla Guerra fredda, al Muro di Berlino e che il pesante, opprimente, totalizzante controllo dell’URSS debba in qualche modo informare ogni cosa: dalle case ai modi di essere.

Quindi, una certa maniera un po’ brusca di approcciarsi alle persone, condita da una evidente circospezione e una tendenza al controllo, quasi fossimo e fossero tutti delle spie occidentali. Quindi, palazzi enormi, densamente iper-abitati, oltremodo poveri. Quindi, città chiuse, militarizzate, agonizzanti.

È bastato percorrere una quindicina di chilometri all’interno dei confini polacchi per rendermi conto di quanto quel castello di idee che avevo sulla Polonia fosse campato in aria. Limitandosi a percorrere l’autostrada, si vedono più McDonald’s e KFC di quanti probabilmente ce ne siano in Italia, Francia e Germania messe insieme. Altro che spie occidentali.

E le persone? Come dappertutto, in linea di massima, ma con una disponibilità e una gentilezza a volte sorprendenti. Anche se avere a che fare con dei turisti spesso inquina – magari anche solo inconsciamente – il comportamento di un locale, che si fa più morbido e cordiale. Così come sono, infine, i grandi centri: vivi e pulsanti, pieni di gioventù, aperti, fervidi.

Fortunatamente, viaggiare contribuisce a scrollarsi di dosso un bel po’ di pregiudizi. E questo non fa mai male.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022