Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Multitasking? No grazie

Tutto troppo sempre. Non è una definizione perfetta della quotidianità?

Tanto che espressioni come staccare la spina e non fare nulla dalla mattina alla sera sono diventate il sinonimo di vacanza. Eppure ogni volta che sento qualcuno dire “Uffa! Non vedo l’ora che arrivi il weekend, così finalmente mi riposo” non posso fare a meno di pensare che il nostro tempo libero dovrebbe significare esattamente il contrario: fare tutto! Tutto quello che non possiamo fare quando durante la settimana siamo assorbiti dal lavoro e dai doveri famigliari.

Il problema è che si è talmente stanchi di performare al mille per mille, in ogni minuto della settimana, che quando sono finiti i doveri, ma non i minuti come spesso accade, se ci rimane del tempo, semplicemente non sappiamo come usarlo. O multitasking o niente.

Fare sopra il fare, ascoltare e scrivere, guidare e telefonare, aspettare e controllare le mail, passeggiare e scrollare compulsivamente Facebook, Instagram, Tik Tok. Più le giornate sono piene, meglio si tiene il ritmo. Più si fanno cose, meno se ne perdono. E se in 10 minuti di navigazione social il mio cervello viene bombardato da più informazioni, notizie e avvenimenti di un intero anno passato sui libri all’università, non ci badiamo nemmeno. Anzi meglio. Sul curriculum vitae, in mezzo alle soft skills finemente messe in risalto, spicca il multitasking.

Ma quando è stato deciso che la capacità di lavorare in mono-tasking è un deficit? Potersi dedicare con concentrazione a risolvere unicamente un compito e portarlo effettivamente a termine, una volta era già abbastanza. Ora esistono delle app che aiutano le persone a farlo. Abituati come siamo a svolgere troppe cose contemporaneamente, poi non ne portiamo a termine nemmeno una.

Pomodoro è un’applicazione che facilita il controllo del proprio tempo in relazione al compito che si deve svolgere. Si imposta un tempo di lavoro, solitamente 30/45 minuti e un tempo di pausa, per avere delle mono sessioni produttive ben definite ed efficaci, al termine delle quali l’utente deve aver terminato ciò che ha iniziato.

“Ci sono diversi studi che ci dicono che le persone sovrastimano la propria capacità di svolgere più compiti contemporaneamente. In realtà, il cervello non è in grado di svolgere più compiti “simultaneamente”, a meno che le attività da eseguire non siano talmente automatizzate da richiedere poca attenzione” sono le parole di Andrea Gaggioli docente di Psicologia generale e coordinatore dell’Unità di ricerca in Psicologia della creatività e dell’innovazione all’Università Cattolica di Milano, riportate da Repubblica, in un articolo del 27 luglio 2021.

E se, al posto del multitasking, provassimo a vincere queste tre sfide:

  1. Qui e ora: cammina solo per camminare. Non fare nulla se non mettere un piede davanti all’altro e guardare la strada che stai percorrendo.
  2. Tieni aperta una finestra del PC. Una. Non dieci. E porta a termine ciò che devi fare dentro quella finestra. Poi chiudila e aprine un’altra. Se nel frattempo arrivano trenta mail, dedica del tempo specifico solo alla loro lettura (non tra una e cosa e l’altra).
  3. Fai una cosa nuova: cambia le azioni automatiche del tuo cervello, rimescola le carte, parti dall’inizio. Fai un bagno senza guardare Netflix, mangia con la tua famiglia e non accendere il cellulare, immagina qualcosa che ti piace fare e falla in un modo completamente diverso dal solito.
Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022