Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Microplastica: non si vede ma c’è, eccome!

Photo di Sören Funk, Unsplash

È nelle nostre case, spesso nascosta in oggetti impensabili. La respiriamo nell’aria, ce ne cibiamo a tavola, la indossiamo tutti i giorni e arriviamo persino a stenderla su viso e corpo, magari con amorevole impegno. È ovunque, in effetti, e spesso invisibile. Di che parlo? Della microplastica!

Andiamo con ordine. Innanzitutto, la chiamiamo microplastica perché è con questo termine che si indicano tutte quelle particelle di plastica molto piccole – tra i 330 micrometri e i 5 millimetri, in termini di diametro – che possono essere rilasciate direttamente nell’ambiente, ad esempio tramite il lavaggio di capi sintetici, o generate dal deterioramento di oggetti di plastica più grandi, come reti da pesca o bottiglie di plastica. Finisce per la maggior parte in mari e oceani, dove impiega diversi anni per disciogliersi e dunque ha tutto il tempo di “affollare” l’ambiente ed essere ingerita dagli organismi acquatici. Anello dopo anello, risalendo la catena alimentare, è così che la microplastica giunge infine nel nostro organismo. E se gli effetti sulla salute sono ancora per lo più ignoti, possiamo dire con certezza che spesso la plastica contiene additivi – ad esempio agenti stabilizzanti o ignifughi – e altre sostanze chimiche tossiche, sicuramente dannose se ingerite.

Ma dove si nascondono queste microplastiche? Conosciamo quali oggetti di uso comune fanno il doppio gioco, in combutta con la plastica? Se la risposta è no, eccone un breve elenco – lungi dall’essere esaustivo – che sarebbe meglio mettere nella lista nera.

Creme per lo scrub

Ebbene sì, quelle simpatiche microsfere per lo scrub sono spesso fatte di materiali sintetici. Materiali che, dopo aver deterso la famigerata zona T del nostro viso, scivolano mesti e irrecuperabili nel sifone del nostro lavandino. Vale lo stesso per i microgranuli di certi dentifrici o saponi. Meglio evitarli o scegliere scrub realizzati con sostante naturali.

Tessuti sintetici

Le fibre dei tessuti sintetici vengono erose dai lavaggi in lavatrice e poi drenate nei sistemi idrici. La Norwegian Environment Agency ha rilevato che ogni lavaggio di capi sintetici rilascia più di 1 milione di fibre di microplastiche. Meglio indossare tessuti naturali.

Pneumatici

Lo sfregamento degli pneumatici sull’asfalto comporta l’erosione della gomma, con conseguente rilascio nell’ambiente di microplastiche che, tra vento e pioggia, vengono poi trasportate negli ambienti marini. Sarebbe bene, quando possibile, limitare i nostri spostamenti.

Assorbenti igienici

Ebbene sì, gli assorbenti sono composti per il 90% di plastica e quelli interni, nonostante siano di cotone, spesso hanno applicatore e cordino in plastica. Un’alternativa più eco-friendly? Gli assorbenti realizzati in cotone, più indicati anche per prevenire fastidiose irritazioni.

 Salviette umidificate

Spesso a base di poliestere, le salviette umidificate, se disperse nell’ambiente, si rompono e si trasformano in una “bomba” di microplastiche. Meglio quelle biodegradabili o, ancora meglio, il classico asciugamano (ma non in microfibra!).

Cialde del caffè

Mai nell’indifferenziata. Alluminio da una parte, plastica dall’altra e caffè nell’organico. Troppa fatica? C’è sempre la cara vecchia moka, ben più sostenibile!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022