Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Avevo paura

Non si deve arrivare al massacro per poterne parlare

Per anni ho cercato di non esistere in internet. Mi preoccupavo spesso di navigarci, digitando il mio nome e sperando non comparisse nulla che potesse far risalire a dove vivessi… Avevo paura di un mio ex, che si era ripresentato dopo anni dalla nostra rottura. Cambiare il numero di telefono certo mi aveva liberata dal terrore che provavo quando lo sentivo suonare senza poter riconoscere l’identità di chi tentava il contatto. Risolvevo non rispondendo. Ma un leggero stato di tensione e allerta aveva continuato ad accompagnarmi, alleandosi a una fervida immaginazione e ad una tendenza ad anticipare il peggio per fronteggiarlo nel migliore dei modi. Non era bastato presentarmi dai Carabinieri, dove in risposta ai miei timori mi fu detto, forse un po’ per sdrammatizzare, che uno schiaffo ogni tanto noi donne ce lo meritiamo. Nemmeno il consiglio dello psicologo di “non seguire le mode del momento” quando accennai allo stalking mi aveva granché tranquillizzata, anzi. Questa situazione, protratta nel corso di alcuni anni, mi privò spesso della possibilità di partecipare pienamente a una sana vita relazionale e di comunicare con spontaneità attraverso l’uso dei social network. L’anno scorso decisi però di partecipare al Corso di formazione per volontarie del Progetto R.O.S.A., organizzato dalla Fondazione Famiglia Materna. Lì ho conosciuto meglio la realtà nazionale che contrasta il fenomeno della violenza domestica. Ho imparato che ne esistono di diversi tipi e che lo stalking è solo uno dei suoi possibili volti. Esso però non può essere definito come un raptus improvviso, bensì come una delle possibili evoluzioni di una relazione caratterizzata da maltrattamenti. Ho capito che la violenza non è sempre visibile e che non si deve arrivare al massacro per poterne parlare. C’è la violenza psicologica, un continuo attacco all’autostima altamente debilitante; quella economica, che costringe a umilianti trattative e priva la sua destinataria di informazioni finanziarie cruciali. E quella sessuale. Come sottolinea Katherine Mac Kinnon in Le donne sono umane?, anche in ambito giuridico più una donna è intima con il suo aggressore più sarà difficile che la Corte riconosca l’esercizio della violenza dell’uomo. Ma «se un “no” può esser considerato un “sì”, quanto può essere libero un “sì”?».
E poi c’è la violenza a cui sono esposti i bambini, capace di provocare in loro danni di prolungata e subdola manifestazione.

Esiste però un antidoto a tutte queste forme di abuso. La presenza di un testimone consapevole che bilancia la crudeltà con empatia e supporto amorevole. Esso è il nodo vivo di una rete che co-costruisce ed indica le possibili strade per uscire dalla violenza. Io sono felice di averlo conosciuto al corso per volontarie dei centri antiviolenza organizzato a Rovereto (TN). Mi è venuto incontro con un sorriso aperto, sotto forma di operatrici ed insegnati di grande valore umano e professionale. È un vero onore poterne scrivere, rendendovene partecipi. Libertà è partecipazione.

fotoAlice Miller 
Alice Miller, psicologa, psicanalista e saggista svizzera che si è occupata principalmente di psicologia dell’età evolutiva e degli esiti negativi che gli abusi psicofisici inflitti ai bambini all’interno della famiglia comportano nella crescita e nell’età adulta.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022