Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’apprendista cantastorie

“Che lavoro fai?”. “Scrivo”. “Ah, ho capito ma in realtà che lavoro fai?”. Incoraggiante, no? Disoccupato, inoccupato, in cerca di occupazione: ecco la realtà dei fatti, ecco cosa vedono gli altri. Termini che scivolano facilmente verso ozioso, sfaccendato. Occhi corrosi dalle parole, schiena piegata dalle pagine, anni di vita abbandonati tra corridoi, dipartimenti, esami, tesi e dottorati di ricerca. E oggi? Trentacinque anni: troppo grande, troppo qualificato, poca esperienza. Non esiste mai un punto di equilibrio. Allora cosa faccio? Deciso, invento storie. Scandalo degli scandali. Giro per le strade, viaggio, osservo, appunto, rifletto e scopro storie che aspettano di essere raccontate, persone senza volto alla ricerca di lineamenti. Trascino dentro me coloro che hanno voglia di leggere le mie righe; in tal modo, loro si ritroveranno con una piccola cosa in più, mentre io vivrò più leggero con una cosa in meno. Un momento però. Secondo l’enciclopedia Treccani, scrittore è colui che «compone opere con intento artistico». Allora no, non sono uno scrittore, il senso artistico non mi appartiene. Quindi, cosa sono? Ecco, la definizione migliore è cantastorie. Per ogni “lavoro” ci sono gli anni di apprendistato, per questo lasciate che mi presenti. Buongiorno, ho 35 anni e sono il vostro apprendista cantastorie.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024