Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Un’occasione per ritrovare se stessi

emily 3 banner

Perché l’obbligo di stare a casa viene vissuto in modo diverso da ogni persona? Come possiamo superare l’angoscia che talvolta ci prende alla sprovvista e ci fa sentire come un granello di sabbia in balia del vento?

C’è chi non ha la possibilità di vedere il proprio partner, chi con i propri figli non sa più cosa inventarsi, chi si ritrova faccia a faccia con il compagno che ha scelto, senza poter “fuggire” con la scusa di qualche impegno. C’è chi vive in solitudine, per scelta o per sfortunati eventi, e sente l’angoscia di non sapere più cosa fare: non vedere una via d’uscita lo fa sentire in un vicolo cieco. Da qui spesso emergono sentimenti quali depressione, ansia, attacchi di panico, rabbia e frustrazione.

Spesso, in momenti come questi, ci si rifugia nel passato, ripercorrendo le proprie scelte e cercando di capire come sarebbe stata la vita se avessimo preso strade diverse. Il futuro è incerto e non sappiamo dove siano andate tutte le nostre certezze.

Come poter superare tutto questo?

Non possiamo cambiare il corso degli eventi, non possiamo tornare indietro nel tempo né programmare troppo il futuro. Abbiamo però una grande possibilità: quella di immergerci nel presente come mai avevamo fatto prima. Non avendo una “scadenza”, non sapendo cosa faremo domani e nemmeno tra una settimana, possiamo perderci come fanno i bambini quando giocano: loro non si rendono conto del tempo che passa, non programmano ciò che sarà ma vivono intensamente quel momento trovando in loro stessi un’incredibile fonte di energia.

Lo spaesamento, la paura di restare senza un lavoro, la preoccupazione di chi è disoccupato, il non sapere quando si rivedranno i nostri genitori, amici, figli, nipoti sono sentimenti chiaramente comprensibili, ma fissarsi su di essi significa perdere l’enorme possibilità di ritrovare la nostra creatività.

Cosa amavamo fare da piccoli? Con cosa ci perdevamo e quante volte, perdendo di vista gli obiettivi, trovavamo da soli una nuova via da percorrere?

Quando ci fissiamo su qualcosa e non la otteniamo, quando cerchiamo nel passato o nel futuro una qualche consolazione ecco che perdiamo di vista ciò che di magico può capitarci ogni giorno.

Niente accade per caso. Siamo talmente concentrati sulla carriera, sul guadagno e sull’avidità che spesso trascuriamo le cose più semplici: una bella canzone, un cielo stellato, un fiore che cresce. Apprezzando e cogliendo la semplicità degli istanti riusciremo a trovare quell’energia creativa che serve al futuro: abbiamo bisogno di gente appassionata, di gente capace di trovare in se stessa le risorse per uscire dalle situazioni anche più terribili.

Ogni cosa che cerchiamo è già dentro di noi. Bisogna solo fermarsi e accoglierla.

Saremo persone diverse dopo tutto questo? Finché ce lo domanderemo la risposta sarà sempre “no”. Riusciremo ad imparare qualcosa da questa situazione? Di certo, assolutamente sì.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022