Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Un diamante è per sempre?

Un diamante è per sempre?

Nell’era dei gioielli fai-da-te, delle collane low cost, del “compro oro e argento” c’è ancora posto per una parure nel nostro portagioie?
Alcune persone conservano con cura gli ori di famiglia perché, oltre ad essere preziosi qualitativamente, spesso sono il simbolo di un ricordo, di una persona, di un legame; in altri casi si tratta solo di vanità. Ma mentre al JewelFest di Singapore viene messa in vendita la collana più cara al mondo (55 milioni di euro), l’Italia perde posizioni nella classifica del mercato mondiale dei preziosi che vede India e Stati Uniti ai primi posti.
Complici l’aumento dei prezzi delle materie prime e l’abbassamento del potere di acquisto, i diamanti sembrano non essere più i migliori amici delle ragazze – come invece cantava Marilyn Monroe in Gli uomini preferiscono le bionde.
Oggi i vecchi ori di famiglia si riciclano e l’ambiente ringrazia.
Una coppia di giovani promessi sposi canadesi per limitare l’inquinamento delle estrazioni minerarie ha voluto creare le proprie fedi con materiali preziosi che già avevano.
Non mancano poi coloro che abbandonano i metalli preziosi optando per i gioielli ecologici, fatti con materiali riciclati ─ bottiglie di plastica, tessuti, latta ─ o addirittura foglie.
Se non volete rinunciare ai gioielli fate un giro in cantina: a Londra in uno scantinato di Cheapside Street – ironia della sorte, cheap significa “a buon mercato” ─ hanno trovato 500 preziosi di epoca elisabettiana.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024