Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La scrittura e il giornalismo

Il termine “scrittura” nel Vocabolario Treccani ha un significato ben preciso: «Rappresentazione visiva, mediante segni grafici convenzionali, delle espressioni linguistiche. L’insieme dei segni con cui tale rappresentazione viene realizzata».
La scrittura viene quindi vista come un insieme di simboli convenzionali, dunque comprensibili da chiunque ne abbia le facoltà per farlo.

business-3365363_1920

In realtà, la scrittura è molto più di questo: è un insieme di sfumature che creano una sinfonia che nulla ha di convenzionale, poiché è propria di chi la compone. Quando si legge una poesia, una fiaba, un romanzo o un racconto, si ha comune accesso ai pensieri dell’autore, ma l’interpretazione e i colori che ne scaturiscono sono diversi per ogni lettore. La scrittura è un mondo nuovo, pubblico e privato, che ostenta e preserva, che spolvera ogni intreccio di parole con un velo misterioso.

Dalla parte opposta sta il giornalismo: un’attività che comprende l’informazione, la cronaca, la diffusione. Un’attività che per quanto sia di scrittura, di scrittura non ha null’altro che lo stampo stilistico dell’autore, meglio detto giornalista.
Spesso il giornalista riporta i fatti proprio come il suo impiego richiede: cercando di renderli chiari e accessibili, meglio detto convenzionali.

background-3182873_1920

Per quanto scrittura e giornalismo si intersechino, lasciando spesso i confini confusi, il giornalismo non potrà mai essere totalmente e liberamente interpretato, poiché deve informare, riportare la verità dei fatti, lasciando poca immaginazione al lettore.
I due differiscono anche solo per l’approccio del lettore: un lettore sceglie quale libro leggere, in base al suo gusto e alle sue sensazioni. Un lettore però, non sceglie le informazioni: queste arrivano imperterrite per rendere attiva la sua conoscenza del mondo che lo circonda, senza sfumature o fronzoli, che mirano spesso alla (cruda) verità.
Non c’è approccio giusto e non c’è approccio sbagliato, semplicemente si tratta di due approcci diversi.

Ciò che però accomuna scrittura e giornalismo, sono le sfumature ingannevoli: presenti anche laddove la notizia dovrebbe essere chiara e laddove invece l’autore ha libertà di censurare le sue sfumature. Come in tutte le cose alla fine, anche nella scrittura e nel giornalismo esiste un confine soffuso e non così marcato, lasciando spazio ai più abili di farci sempre un po’ sognare.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024