Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Facilitatori capaci di promuovere il dialogo in uno spazio neutrale?

La retorica della piattaforma

‘Piattaforma’ ha almeno quattro diverse accezioni: quella architettonica – una struttura rialzata destinata a specifiche attività; quella computazionale – un’infrastruttura che supporta il design e l’uso di determinate applicazioni; quella figurativa – fondamenta di un’azione, ma anche base metafisica per nuove opportunità; infine quella politica sia in senso materiale – un podio dal quale esprimere la propria opinione – che concettuale – una determinata posizione, implicitamente neutrale e aperta dato che si tratta letteralmente di una pedana piatta. Unendo le varie caratteristiche fisiche e ideologiche otteniamo una struttura funzionale, rialzata, ma al contempo piana e facilmente accessibile, un ensemble progressista ed egualitario volto a facilitare una certa azione.

È luogo comune che le piattaforme digitali, al contrario dei mass media tradizionali, offrano la possibilità di comunicare in uno spazio paritario e sostanzialmente libero. Si coglie un’eco populista: ecco l’amo lanciato agli utenti. Ma c’è di più: sono ambienti dinamici, perfetti per sfruttare nuove opportunità commerciali. Infatti, consentono non soltanto di giocare con effetti grafici sorprendenti e di sfruttare la partecipazione attiva dell’utente, ma anche di memorizzare dati personali e preferenze espresse dal singolo con un click. Su questa base i pubblicitari possono generare un chiaro profilo del consumatore e definire campagne promozionali sempre più individualizzate. Così si cerca di far abboccare i professionisti dell’industria creativa, gli investitori. Non è finita qui. Essere una “piattaforma”, anziché un “distributore”, permette di addossare la propria responsabilità legale ad altri, ad esempio i fruitori. Sono questi ultimi a usare e (s)caricare contenuti che il provider si limita a ospitare. Emblematico è il caso di YouTube, dove in fin dei conti è l’amatore a essere colpevole di violazione di copyright.

Il termine è parte del linguaggio comune ed è facile dimenticarne le implicazioni. Eppure rappresenta un elemento cruciale entro una strategia di posizionamento a livello discorsivo che comporta notevoli vantaggi rispetto al modo in cui una tecnologia viene percepita dal pubblico. La sua ricchezza semantica suggerisce molto e maschera altrettanto: nonostante la facciata democratica, il ruolo della piattaforma digitale è strettamente connesso con l’aspetto economico che rende l’utente una risorsa monetizzabile. Sia chiaro, tali tecnologie possono essere utilissime. L’importante è ri-conoscerle con spirito critico per capire cosa si nasconde dietro quanto viene detto.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024