Io, umano

Basta poco.
Certe volte basta porgere una scusa, un “ho sbagliato”, per salvare un rapporto – d’amore, d’amicizia, genitoriale. Sono parole semplici ma difficili da pronunciare, come se il nostro cervello le avesse memorizzate come Parole Proibite. Alcune relazioni terminano in malo modo perché non siamo riusciti a dire parole come queste, specchio di una coscienza che ha riflettuto sui fatti e riconosce semplicemente di aver sbagliato. L’errare è umano però ci sentiamo deboli ad ammetterlo a noi stessi o a qualcun altro.

Dovremmo pensarci quando siamo chiamati a perdonare o essere perdonati.
Dovremmo pensarci ogni volta che basterebbe un “perdonami, ora ti spiego come è andata” o “vorrei parlarne” per riparare situazioni invece di abbandonarle a loro stesse.
Non è il Bignami del buon amico, ma un modo sincero per (ri)partire senza sentirsi deboli, semmai forti nella propria consapevolezza. In una parola: umani.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • "Caro libro, un altro giorno della mia vita, e la vita è come un libro. Un libro è come una sca ...
  • A cena con Dalla e un caffè con Springsteen, ma senza smartphone. https://t.co/2vQi8fitZR
  • In Italia si legge sempre meno. Ma leggere serve ancora? Se sì, quali soluzioni per ovviare a qu ...
  • Il Bar Malghet è una giovane realtà diventata un punto di riferimento per tutti coloro che freq ...
  • Questione di (S)fiducia https://t.co/JL3dDiuJI9
  • Se, smartphone alla mano, vi è capitato di pensare "che bene che è fatta quest'app!", è possib ...

martedì 11 Agosto 2020