Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Denti Sani e Belli

Prevenire è meglio che curare e in questo caso prevenire è meglio che cariare: l’O.M.S (Organizzazione Mondiale della Sanità) definisce la carie come patologia; noi abbiamo posto alcune domande sulla prevenzione orale a Manuel, medico odontoiatra.

1. Le bibite zuccherate danneggiano i denti?
Sì, lo zucchero si deposita sullo smalto del dente e lo aggredisce, abbassa il ph della bocca aumentando l’acidità: un ambiente acido favorisce la diffusione dei batteri cariogeni tra cui lo Streptococcus mutans. Il consiglio, una volta bevuta una bevanda zuccherosa, è di spazzolare i denti il prima possibile, in alternativa fare dei risciacqui con l’acqua.

2. Quanti caffè o tè sono concessi per non incorrere in denti macchiati?
Si valuta caso per caso, tenendo conto di due variabili: il ph salivare basso che rende la dentatura più “aggredibile” e la dentina, sostanza tra smalto e polpa che conferisce la colorazione al dente. Se il paziente ha una dentina che tende al bianco potrà concedersi più caffè o tè di un paziente che presenta di base una colorazione giallognola.

3. Nicotina e denti. Tutti i fumatori sono destinati a denti gialli?
Anche qui vale il discorso “dentina”: chi tende ad avere una colorazione bianca potrà essere favorito.
Detto questo, i fumatori rimangono una categoria predisposta alla formazione di tartaro e macchie antiestetiche, generalmente a questo si associa una cattiva igiene orale.

4. Alcuni consigli di prevenzione dentale durante la giovane età.
a. Somministrazione di fluoro già da bambini: protegge i denti dagli attacchi dello zucchero e favorisce la formazione di calcio;
b. Lavaggio dei denti dopo i pasti principali e prima di andare a letto, uso dello spazzolino elettrico piuttosto che manuale, utilizzo di filo interdentale o scovolino;
c. Dedicare 5 minuti alla pulizia della bocca seguendo questa tecnica: per l’arcata superiore lo spazzolamento è dall’alto verso il basso (dalla gengiva all’apice del dente), per l’arcata inferiore dal basso verso l’alto;
d. Uso dell’idropulsore (doccia orale): un getto d’acqua con colluttorio disinfettante che elimina la placca nello spazio interdentale;
e. Una visita di controllo ogni 6 mesi.

5. Sbiancamento dentale: dentifrici White Control, rimedi casalinghi o direttamente in studio?
Lo sbiancamento professionale garantisce il risultato migliore: sui denti si applica un prodotto composto per il 40% di perossido d’idrogeno e si lascia agire per 25 minuti con un lampada a raggi ultravioletti.

6. Come avere un sorriso perfetto.
Si inizia fin da piccoli: nei bambini è consigliato correggere le arcate dentarie con apparecchi ortodontici. A questo va associata una costante e corretta igiene orale e controlli periodici per intervenire su “carie in atto”.

7. Utilizzare denti come forbici pronte all’uso è dannoso?
Sì. Soprattutto per incisivi e canini che, contrariamente a molari e premolari, hanno una superficie incisale fina, facilmente scheggiabile.

8. Chewingum: sì o no?
Senza zucchero e a base di xilitolo. Possono essere utili per un lavaggio superficiale del dente o profumare l’alito ma continuare a masticarle può danneggiare otturazioni già presenti in bocca.
In alternativa una caramellina alla menta senza zucchero.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024