Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cura – Nel mondo che vorrei

Cura – Nel mondo che vorrei

Quando ci viene “affidato” un bene altrui, dovremmo cercare di custodirlo garantendone l’incolumità fisica. Se il bene altrui è un minore in difficoltà (quindi un bene con la B maiuscola), serviranno anche intelligenza, cura e riserbo.

L’affidamento di un minore prevede l’inserimento transitorio di un bambino nel proprio nucleo.
Secondo i dati della Fondazione Zancan, l’affido di minori è in calo continuo (-4,4% dal 2008 al 2010) e quelli maggiormente disposti dal sistema giudiziario sono “d’urgenza” (69%) o “parziali” (solo diurni). I dati europei, secondo cui un affido di successo è quello che si conclude con il rientro del minore nella famiglia d’origine, mostrano il risultato sconcertante delle politiche scelte: il 70% degli affidi fallisce.
La questione pare rilevante: strumento sbagliato o sbagliato uso del giusto strumento? In Italia la legge che regola l’affido (n.184) risale al 1983 e solo nel 2008 il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha individuato nuove linee di indirizzo nazionale per innovare questa pratica.
Sorvolando su dettagli quali la spesa dedicata alla protezione dell’infanzia (4.6% del totale del Welfare contro l’8% di media UE), appare importante tenere conto di un terzo attore: la famiglia d’origine. Questa dovrebbe essere fortemente seguita, accompagnata nella risoluzione del problema che ha generato l’allontanamento del minore. L’affido deciso dal tribunale, però, viene spesso considerato la via meno onerosa per la risoluzione dell’urgenza.
Eppure muoversi su altre strade è possibile, come dimostra il progetto Una famiglia per una famiglia, della Fondazione Paideia di Torino. Ad un nucleo familiare in difficoltà viene affiancata una famiglia “risorsa”, per costruire una relazione solidale e di prossimità.
Grazie a tale percorso, la prima non viene stigmatizzata ma diviene elemento partecipe di un percorso di crescita comune (oltre che necessario). Questa scelta, permette anche di non allontanare il minore, ma di lavorare sulle risorse positive disponibili. Il progetto è evidentemente legato al consenso di entrambi i nuclei e alle specifiche caratteristiche del problema.
Nel mondo che vorrei, l’affido sarebbe una strada da percorrere a doppio senso: sarebbe possibile per ogni minore godere del meglio dalle realtà possibili (d’origine e non). La prossimità con una realtà familiare serena, condurrebbe allo sviluppo di maggiore fiducia in se stessi e negli altri.
Nel mondo che vorrei, non ci sarebbero buoni e cattivi, ma solo difficoltà da affrontare insieme.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022