Caro Babbo Natale…

Caro Babbo Natale,

Quest’anno non vorrei nulla di materiale, vorrei solo poter rivedere i volti delle persone. Mancano quei sorrisi che ti cambiano la giornata, mancano quelle espressioni che dicono più delle parole. Mi mancano gli abbracci, quegli abbracci che ti scaldano dentro e ti fanno bene al cuore. Mi mancano i viaggi, la follia di prendere il mappamondo, girarlo e puntare il dito per scoprire dove il destino potrebbe portarmi… Magari dove non andrò mai, ma solo sapere che potrei andarci mi farebbe stare bene.

Vorrei rivedere gli innamorati baciarsi per strada, nella follia di quell’amore che va oltre tutto, che non si interessa dei giudizi degli altri. Vorrei rivedere i ragazzi sulle panchine delle piazze ad aspettarsi, di sera, per ridere un po’ e raccontarsi la giornata.

Mi mancano i contatti, quelli veri, che i social e i cellulari non possono dare. Mi manca vedere notizie leggere in televisione, mi manca la leggerezza dei pomeriggi in cui non si sa cosa fare, ma si può andare ovunque, se solo lo si vuole.

Ti sembrerà strano, mi mancano anche i parenti, quelli che vedo meno e quelli che generalmente vedo solo a Natale. Un albero con i doni è niente se non c’è nessuno intorno. Ho scoperto che la famiglia è l’appoggio e la luce su cui posso sempre contare.

Mi mancano le cene con gli amici, quelle che “più siamo meglio è”, quelle al ristorante a fare la fila e a fare tardi, per le risate, le birre e le avventure raccontate mille volte ma sempre belle da sentire.

Mi manca poter andare in centro e vedere le luci la sera tardi, vedere la città spegnersi, vedere commessi più tranquilli e rilassati, vedere persone che stanno bene e sono serene, senza nervosismo, senza preoccupazione.

Mi manca vedere persone che si buttano in nuove attività, i locali nuovi, gli aperitivi lunghi che poi diventano cene, e si trasformano in un “dai andiamo al cinema, c’è l’ultimo spettacolo”.

Mi manca la vita, quella vita che non è solo fatta di prime necessità ma di tutto quello che c’è attorno perchè, in fondo, è proprio lì il senso profondo della nostra esistenza.

Ecco, credo che quest’anno se riuscirai a darmi tutto o almeno parte di quello che avevo prima, ti prometto lo apprezzerò al massimo perchè, solo quando le hai perse, ti rendi conto dell’importanza di certe cose.

Con affetto,

Una trentenne

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • "Troppo spesso ci si dimentica che la cultura non è un prodotto da vendere un tanto al chilo. No ...
  • Ho vissuto, come molti, due vite: perdere qualcuno significa ricominciare da zero. Ricominciare m ...
  • Eleonora, poco più che trentenne, da oltre dieci anni vive dietro all’obiettivo della sua Refl ...
  • "Quello che ti rendeva speciale in realtà era il messaggio che veicolavi, la passione che mettev ...
  • Paolo Rossi, per chi è arrivato dopo. https://t.co/ypRG9WqJFT
  • Nina Ferrari, ideatrice de "Il Tuo Biografo", ci parla di come, dopo una laurea in Filosofia, un ...

sabato 23 Gennaio 2021