Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La sentinella della cattedrale

Quando si cita il “guardiano della cattedrale” alla mente arrivano le immagini più diverse. C’è chi pensa al famoso campanaro Quasimodo del Gobbo di Notre Dame e chi ai Gargoyle, le figure fantastiche o mostruose – con la pratica funzione di doccione – che osservano dall’alto di molti edifici religiosi, soprattutto di epoca medievale. La città di Losanna – situata sul Lago di Ginevra, nel cantone svizzero-francese del Vaud – ospita invece un guardiano in carne e ossa, con un mestiere particolare di cui forse si sente parlare solamente nei romanzi storici: la sentinella.

La sentinella di Losanna non è, però, solo un guardiano, bensì si può definire come “la voce della notte” della città. Il guet (originale francese), difatti, ha il compito di urlare l’orario, ogni notte dalle 22 alle 2, in seguito ai rintocchi della campana, con la formula “C’est le guet, il a sonné dix” ossia “Qui la sentinella, ha suonato le dieci”.

Inizialmente fondamentale per avvisare la popolazione in caso di pericoli e incendi, la sentinella ha oggi solo una funzione “oraria”, mantenuta nonostante l’avanzamento tecnologico. Definito un tesoro unico e prezioso della sua città, il mestiere del guet stava per essere soppresso negli anni ’60 – dopo quello del campanaro – ma diverse proteste e petizioni dei cittadini riuscirono a mantenerne l’esistenza. Le ore di lavoro sono oggi ridotte rispetto al passato, ma il grido resta lo stesso, così come la figura con il suo cappello nero a falde larghe e la lanterna.

La sentinella della cattedrale non è una mera attrazione turistica o un solo motivo di intrattenimento, bensì un mestiere vero e proprio, svolto ininterrottamente da 607 anni. Tutte le notti – ordinarie, di battaglia o di festa – il guet ha svolto e svolge tuttora il suo lavoro dal 4 novembre 1405, quando, dopo un incendio che funestò la città, si decise di porre questa figura a guardia notturna, dall’alto della torre campanaria di Notre Dame.

Dall’agosto del 2021, a salire ogni sera i 153 gradini della torre e a urlare l’orario alla città, c’è anche una guetteuse, una sentinella donna, per la prima volta in tutta la storia del mestiere. Cassandre, 27 anni, ha affrontato una ferrea selezione prima di raggiungere la posizione che è sempre stata il suo sogno. Erano infatti oltre cento le candidature per il posto vacante nella squadra di sei persone che lavora a turno sulla sommità del campanile. Si tratta, questo, di un grande passo avanti delle pari opportunità in un mondo lavorativo da sempre completamente al maschile.

Sono altre le città, soprattutto del nord Europa, in cui esiste una sentinella della cattedrale. Tuttavia, si tratta di figure reinserite solo recentemente, a scopo soprattutto turistico e di intrattenimento, e che non vantano, dunque, una tradizione lungamente ininterrotta come quella di Losanna.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022