Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Innamorarsi della lettura

L’amore per la lettura si “impara” da piccoli. O, quanto meno, finché si frequenta la scuola. È davvero difficile “imparare ad amare” i libri una volta entrati nel mondo del lavoro, quando siamo inesorabilmente allontanati dal “dovere” legato alla lettura. A quel punto dovrebbe subentrare il “piacere”, cioè lo stimolo che ci fa sfogliare un libro in ogni situazione possibile e impossibile: sul treno, in pausa pranzo, in una sala d’attesa.

Ecco, questo piacere viene (dovrebbe venire) dalla scuola. Purtroppo, la realtà è diversa: dati Istat alla mano (solo 4 italiani su 10 leggono almeno un libro all’anno), si è evidentemente creata una frattura da qualche parte nella formazione di studenti e studentesse. Il momento in cui “leggo un libro perché devo farlo”, che sarebbe dovuto diventare “leggo un libro perché mi piace farlo”, non esiste più e i libri sempre più spesso vengono lasciati sugli scaffali.

Quali possibili soluzioni? Credo che il problema riguardi in larga misura i programmi scolastici, cioè l’impostazione stessa del “fare scuola” in Italia. Dico “fare scuola” e non, ad esempio, “fare italiano”, perché la lettura non riguarda solo l’italiano, anche se questa materia – visto il monte ore – gioca il ruolo più importante della partita. È un discorso che si deve allargare a tutte le materie in cui è previsto lo studio di una letteratura: quindi anche inglese, la seconda e la terza lingua straniera (tedesco, francese o spagnolo), ma anche il latino e il greco, se vogliamo considerare l’orizzonte della scuola superiore.

La soluzione è rivedere gli attuali programmi di studio e scardinare il sistema delle antologie scolastiche che danno un’infarinatura di tutto, ma non lasciano niente. E, soprattutto, sono maggiormente legate al commento critico di un testo che al testo stesso. La parte di analisi del testo fagocita il testo stesso, specie quando il lettore si confronta con un autore famoso, non per forza complesso. Per cui gli studenti oggi sanno tutto (ma poi in realtà non sanno niente) circa il bifrontismo di Tasso o i tre periodi del “pessimismo” di Leopardi, ma non hanno mai letto che briciole dei due autori. Come si può convincere un ragazzo o una ragazza della bellezza della “Divina Commedia” se a scuola si leggono solo un paio di canti, ma centinaia di pagine di commento?

Credo quindi che una possibile soluzione sia snellire l’apparato critico attorno ai testi di un’antologia, rimpolpare i testi stessi e, anzi, aggiungerne di nuovi da tante opere diverse. Il paragone potrà essere azzardato, ma ci si innamora davvero di una persona solo frequentandola assiduamente e personalmente. Ecco, lo stesso vale per la lettura.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022