Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

India e Coca Cola: sta arrivando il momento di dire “basta”?

Il clima caldo e umido del Subcontinente Indiano, misto alla sapidissima cucina indocinese, sembrerebbe avere una sola possibile soluzione quando si tratta di scacciare la sete: la fresca e frizzante Coca Cola. La bevanda più diffusa al mondo – si dice sempre che “sia disponibile dappertutto, meno che in Corea del Nord” – potrebbe essere definita come un’ottima alternativa all’acqua, ma in questo caso non si tratta nemmeno di avere possibilità di scelta, perché il costo della miscela segreta, nata nell’ormai lontano 1866, è inferiore a quello dell’acqua, per quanto, ovviamente, per produrre un litro di coca cola sia necessario ben più di un litro di acqua. Il rapporto tra le due parti è stato una sorta di indicatore nella coscienza della gente e dello stato; proprio per questo – visto il momento storico che stiamo percorrendo – la corda sembrerebbe essere più vicina che mai allo strapparsi.

La Coca Cola è entrata nel mercato indiano a qualche anno di distanza dall’indipendenza, arrivata nel ’47, e prima che il neonato governo socialista potesse scacciarla, la bibita americana era già radicata nella cultura comune della gente. Il tutto non avvenne nemmeno troppo di soppiatto: delle statistiche dei tempi riportano di come solo il 10% dei villaggi avesse accesso all’acqua potabile, mentre il 90% aveva accesso alla Coca Cola. Il primo grande scontro è arrivato negli anni ’70, quando una grande crisi colpì lo stato e – tra le tante misure del momento – il governo scelse di proibire a ogni compagnia estera di possedere più del 40% di ogni attività in India, tentando di strappare una fetta di mercato anche alla Coca Cola, che ovviamente scelse di lasciare la presa, così come altre decine di attività americane. Solo a distanza di venti anni circa – alla caduta del governo socialista – la Coca Cola fece il suo rientro in grande stile: più economica dell’acqua e molto più problematica, eticamente e per dispendio di risorse, di tutti i surrogati nati a livello locale nel frattempo. Quando si parla dei vari facsimili, è bene ricordare di come la ricetta sia “segreta”; conosciamo cosa c’è all’interno ma non come viene combinato il tutto, proprio per questo è molto difficile ripeterla esattamente come quella creata dal Dottor John Pemberton.

È proprio nel periodo di assenza dal mercato che è possibile trovare il primo elemento che, attualmente, potrebbe mettere in difficoltà uno dei più grandi brand a livello globale: tra le tante sottomarche nate, ce n’è una in particolare che è finita per diventare la “Coca Cola Patriottica”, la Campa Cola. La Campa è di recente stata acquistata dall’uomo indiano più ricco in circolazione, Mukesh Ambani, che sembra intenzionato ad ogni costo a riportarla in auge, per quanto sarà molto difficile eradicare dalla mentalità, in particolare da quella dei più giovani, il concetto idealizzato che abbiamo un po’ tutti a riguardo della Coca Cola. Potrebbe anche essere una buona maniera per svincolarsi da un mercato come quello statunitense, in un periodo storico geopoliticamente molto delicato, che vede l’India tra le contendenti per il primato del mercato mondiale; c’è comunque da sottolineare come – per quanto l’impatto sarebbe ambientale sembrerebbe prospettarsi minore – che la faccenda non sarebbe comunque stravolta: una porzione di acqua potabile finirebbe comunque per essere processata e imbottigliata, con i ricavi, allo stesso modo, nelle tasche di un magnate come altri. L’altro problema sembra essere ben più concreto e può definirsi come tale solo per gli interessi della multinazionale: la questione delle risorse idriche è stata proposta più e più volte dalla popolazione autoctona e gli scioperi corrono in largo dai primi giorni del ventunesimo secolo ad oggi. È più che auto esplicativa, in questo momento, la voce di Nandlad Master, organizzatore delle proteste nel 2004: “Bere Coca Cola è come bere sangue di contadini in India”; possiamo in ogni caso dire che – da quel giorno ad oggi – la situazione non è cambiata di molto, tutt’altro. L’India conta il 18% della popolazione mondiale, con solo il 4% dell’acqua potabile disponibile sulla terra, quando per produrre un litro di Coca Cola, servono circa due litri di acqua.

Il risultato è un paradosso a tutti gli effetti, perché mentre intere città soffrono degli scarti dei 58 centri di imbottigliamento e per l’assenza di acqua, quest’ultimo bene viene introdotto in un circolo vizioso da cui uscire sembra sempre meno possibile uscire, ma che la presa di coscienza sulla questione idrica e lo scenario geopolitico potrebbero, finalmente, risolvere.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024