Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

In volo oltre le Alpi, la storia di Geo Chavez

È soprattutto per la sua lettera D che Domodossola è conosciuta quasi ovunque. Che sia per il famoso gioco Nomi, Cose, Città o grazie al celebre programma condotto da Mike Bongiorno La ruota della fortuna, tutti ricollegano la città in primis alla sua iniziale. Ma questa cittadina nel nord del Piemonte, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera, può essere ricordata anche per una importante, seppur tragica, impresa. Fu proprio nei dintorni di Domodossola, infatti, che terminò il viaggio dell’aviatore peruviano Geo Chavez, il primo a trasvolare le Alpi.

Era il 23 settembre del 1910 quando Georges Antoine Chavez – chiamato più comunemente Geo – tentò l’impresa di superare l’arco alpino con il suo monoplano Gipeto, un aereo dotato di una sola ala, all’epoca ritenuto molto pericoloso (si consideri che il famoso aereo dei fratelli Wright era un biplano e possedeva dunque ali doppie). Erano anni, quelli, di grandi imprese, tra cui, negli ultimi mesi del 1909, la trasvolata della Manica compiuta dal francese Louis Blériot. Inserita nel contesto, quella di Chavez si trattava di una sfida internazionale, il Gran Premio della Traversata delle Alpi, proposta dal Touring Club Italiano e dal Corriere della Sera, che prevedeva la rotta con partenza dalla cittadina svizzera di Briga, il sorvolo del passo del Sempione, di Domodossola (dove era previsto un pit-stop di rifornimento) e di Stresa e Varese, con arrivo a Milano.

Chavez fu il primo a iscriversi e, alla fine, l’unico a partecipare. Forte dei suoi primati di volo in altezza, con quote ben più alte del Sempione, l’aviatore peruviano partì per la sua impresa ma il primo tentativo fallì a causa delle pessime condizioni atmosferiche, tipiche dell’ambiente montano. Il 23 settembre, però, con migliori previsioni meteo, l’inizio del secondo tentativo avvenne positivamente e, dopo la partenza da Briga, il sorvolo del Sempione procedette bene nonostante qualche turbolenza. Giunto a Domodossola, durante la preparazione per l’atterraggio previsto per il rifornimento, qualcosa andò storto – probabilmente a causa di danneggiamenti dati dalle turbolenze – e il monoplano si schiantò al suolo. Estratto ancora vivo e portato all’ospedale, Chavez morì qualche giorno dopo per la gravità delle ferite riportate.

Tale impresa temeraria, accolta con entusiasmo, destò un’ondata di commozione nel suo finale tragico. Geo Chavez divenne un potente simbolo per i giovani in avvicinamento al mondo dell’aviazione, oltre che un eroe nazionale in Perù, dove a lui è dedicato l’aeroporto di Lima e in suo onore il 23 settembre cade la Giornata Nazionale dell’Aviazione. La morte dell’aviatore portò turbamento anche in Italia, dove Giovanni Pascoli gli dedicò l’ode Novembre 1910, anche intitolata A Chavez o Inno a Chavez.

Non solo con questa poesia, oggi è possibile ricordare Chavez anche con il monumento commemorativo nei pressi del luogo della sua tragica caduta, nella campagna alle porte di Domodossola, e grazie alla canzone Jorge (anche nella versione italiana Geo) arrangiata e incisa dal gruppo domese I Pentagrami per l’evento commemorativo del centenario dell’impresa.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022