Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

È vero che siamo in poche? Impresa eccezionale si racconta

Lui, il grande manager Direttore Generale e Presidente esce alla ribalta in nome di tutti. Che male c’è? Il suo ruolo è anche questo. Essere la punta dell’impresa, l’angolo più esposto e più in vista. E sotto cosa c’è? La domanda potrebbe essere riformulata: chi c’è.

Spesso il team presieduto da un grande uomo è composto da tante grandi donne. Torniamo alla terrificante frase altisonante “dietro ogni grande uomo c’è una grande donna”? Per carità. Qui anzi si vorrebbe proprio poter dire il contrario. O meglio. Poter affermare la parità dei sessi. Che sfortunatamente, però, manca. Soprattutto nel lavoro, soprattutto nell’ imprenditoria.

Abbiamo intervistato “Impresa Eccezionale”, una società di consulenza nata nel 20218 che ha dato vita ad una piattaforma relazionale che mette in rete le idee di impresa e le esperienze di eccellenza imprenditoriale.

L’idea nasce da Marica Corvi, titolare di diverse realtà, con una formazione giuridica e una forte propensione a realizzare concretamente i suoi ideali di giustizia sociale. Inizialmente, infatti, il progetto ha una dimensione prettamente femminile, Impresa Eccezionale for Women, per poi dedicarsi all’imprenditoria in generale, credendo infine che qualunque idea, se ben formulata, debba poter avere la possibilità di fiorire. “Qualunque forma di discriminazione è terribile”, esordisce Marica Corvi.

Mantenendoci sulla totalità dell’iniziativa Impresa Eccezionale, è interessante come attraverso questa piattaforma sia possibile, per chiunque abbia il coraggio di sognare, trovare un appoggio reale sull’onda del “dimmi dove devi andare e noi ci andiamo insieme”.

Naturalmente non si dà credito a qualunque idea balzana che viene presentata e neppure a chi si alza una mattina e decide di essere un imprenditore o un’imprenditrice. È forse davvero il mestiere più antico del mondo, eppure il più difficile. Chi pensa che fare imprenditoria significhi far lavorare gli altri, commette uno sbaglio enorme: il “capo”, quello vero, è colui che sta in prima linea, per tutti e per tutto, quello che passa più ore in ufficio e che per andare avanti continua ad informarsi e a studiare.

“Studiare è la prima cosa per un imprenditore”, precisa Marica Corvi. “Inoltre è importante osare e farlo presto. L’imprenditoria è una sfida e spesso il rischio non va d’accordo con le paure ed il senso di responsabilità che si acquisiscono invecchiando”.

Se avete dunque dei piani per la realizzazione del vostro futuro Impresa Eccezionale, con i suoi progetti, può senza dubbio fare al caso vostro: inizieranno presto anche i convegni organizzati per diffondere la cultura imprenditoriale prima di tutto, con un occhio di riguardo per le donne “perché siamo in tante, e con l’obiettivo di sostenere, indirizzare e seguire i progetti più validi”.

Da questa bella realtà impariamo che, come conclude Marica Corvi, “l’Italia è un paese che sembra fatto per i dipendenti, ma la spinta nel volersi realizzare deve essere più forte, per tutti”.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024