Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il vero compito della scuola

Oggi c’è un’idea molto chiara di scuola, a scuola e nei suoi dintorni. Un’idea che sta riacquistando sempre più forza perché ritenuta unico possibile argine contro la deriva della gioventù contemporanea. L’idea è questa: la scuola deve tornare a essere un luogo di istruzione, in cui si insegna la disciplina e il rispetto nei confronti dell’autorità. Gli insegnanti non devono avvicinarsi agli studenti e alle studentesse: non devono essere loro “amici”.

Non sono d’accordo con questa idea. Sono cresciuto tenendo bene a mente una frase che la mia prof di latino e di greco – una di quelle prof “amiche” degli studenti ed evidentemente tanto invise oggi – amava ripeterci. Credo sia una massima di Alberto Hurtado, ma vado a memoria: “È più facile istruire che educare: per istruire basta sapere, per educare bisogna essere”. L’ho sempre trovata di una verità sconvolgente. Se è vero che la scuola ha perso il proprio ruolo di argine nei confronti della deriva della gioventù (ed è un grosso se), non credo che il problema stia in un’improvvisa lassità di istruzione, ma al contrario in una mancanza di educazione. Proprio perché istruire è facile: basta aprire un libro, raccontare due figure retoriche o risolvere un problema matematico. Per educare è necessario invece chiudere i libri e aprire se stessi, mettendosi in gioco. Lasciare a casa i pregiudizi e i preconcetti ed entrare in classe metaforicamente nudi.

Lo dico chiaramente: sogno una scuola senza programmi e senza voti, senza verifiche e senza compiti, senza cattedre e senza banchi. Sogno una scuola che sia dialogo, conoscenza reciproca, maieutica. Quanta arroganza ci vuole per pensare di poter insegnare qualcosa a un giovane ragazzo o a una giovane ragazza, se si ignorano i suoi interessi e le sue passioni, i suoi problemi e le sue preoccupazioni? Il percorso scolastico non è una legge divina, imposta dall’alto e intoccabile, ma va dosato e continuamente ritoccato per adattarlo alle mille esigenze della quotidianità di una classe. E questo può voler dire anche prendere deviazioni e percorrere sentieri lontani dalle vie maestre. Può voler dire persino perdersi e dover tornare indietro per ricominciare daccapo.

Senza arrivare ad estremi difficilmente percorribili nel sistema scolastico pubblico (ma forse anche in quello privato), basterebbe auspicare la nascita di una scuola che si fondi più sull’educazione che sull’istruzione. Quindi ben vengano anche le verifiche, i compiti e i programmi, ma senza perdere di vista il vero obiettivo, cioè l’educazione. Solo così la scuola potrà dire di aver svolto in maniera autentica il proprio compito: far crescere i cittadini e le cittadine di domani.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024