Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il Museo del Moleta. Gli arrotini ambulanti di Cinte Tesino

La conca del Tesino, che si estende nei paesi di Cinte, Pieve e Castello, è sempre stata abitata da un popolo di viaggiatori. Che si tratti di stampe del pre-cinema, strumenti ottici, vestiti o mercanzia varia, dal Seicento fino ad oggi i Tesini si distinguono per le loro doti di venditori ambulanti e per essere dei precursori delle più sofisticate strategie di marketing, degne degli studi universitari odierni.

A Cinte Tesino, nel corso di tutto il Novecento, anche l’arrotino o, come lo definiscono i locali il “moleta ambulante”, vagava in giro per l’Italia in cerca di fortuna. Una persona che, prima a piedi e poi sulla sella di un’apposita bicicletta, si spostava di città in città per affilare con la mola gli utensili dei passanti incontrati lungo la strada.

A testimonianza di questa storia, oggi, nella Casa dei Cintesi, è stato allestito il Museo del Moleta: un luogo in continua evoluzione dedicato a questa realtà. A divulgare la storia è una simpatica guida che, con entusiasmo e disinvoltura, racconta i diversi aneddoti dei locali, che rendono la narrazione ancora più interessante.

“Donne, è arrivato l’arrotino”…nonché l’artista!

La visita al museo si apre con la presentazione di tutte le mole presenti in sala: da quello più antico e rudimentale a quello più moderno ed evoluto, maneggevole e adatto ai lavori più delicati. Oltre alla descrizione accurata del personale del museo e alla possibilità di avvicinarsi a buona parte degli strumenti esposti, c’è anche la possibilità di visionare una proiezione che spiega la lavorazione dell’affilamento delle lame, approfondendo così un lavoro che ormai sta andando a scomparire.

Tra gli aneddoti più curiosi della visita, troviamo la storia di quegli arrotini che, dotati di una straordinaria abilità e uno spiccato senso artistico, incidevano il vetro. Personalizzando bicchieri, bottiglie e altri utensili, diversificarono così i loro prodotti, creando, forse inconsapevolmente, delle vere opere d’arte!

Il museo cresce con la partecipazione di tutti!

Ogni locale in possesso di oggetti elaborati dai moleta tesini è caldamente invitato a rivolgersi al responsabile del museo, per rilasciare la propria testimonianza e, volendo, anche prestare o donare qualche reperto da esporre. Affianco ad ogni articolo troviamo esposto il nome del donatore, a meno che questi non preferisca restare anonimo.

Per visitare il museo è necessario prendere appuntamento telefonando al Comune di Cinte Tesino. Su richiesta, un volontario aprirà il museo e accompagnerà i turisti prestando servizio per una visita guidata.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024