Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

I pirati del XXI secolo

I pirati del XXI secolo

I pirati di oggi non sono armati di spade e cannoni, non solcano gli oceani, ma se ne restano comodi in casa davanti al loro computer. Ad essere violata è la proprietà intellettuale, a discapito del commercio legale. Ma guardiamoci bene negli occhi: a colui che è alla ricerca dei tesori odierni, film e canzoni, viene ormai più naturale “scaricarli” tramite Internet, anziché andare ad acquistare il CD o il DVD originale in negozio. E di sicuro non viene perseguitato dai sensi di colpa. O sbaglio?

È un fenomeno complesso, figlio della grande corsa inarrestabile della tecnologia; e sicuramente molto difficile da arginare. Anche perché gli strumenti per reperire file audio e video tramite la rete sono ormai alla portata di tutti: bastano un minimo di competenze informatiche. Capita spesso di imbattersi in siti dove migliaia di persone condividono qualsiasi tipo di contenuto.

Vero e proprio “paradiso pirata” è forse il Sud America, dove, secondo una ricerca fatta nel luglio 2012 dall’Agenzia Statunitense per il Commercio, Argentina, Cile e Venezuela sono i Paesi americani dove si calpesta di più il copyright. Qui la Legge è rimasta ancora all’epoca pre-digitale. Il risultato: il commercio illegale di film coinvolge circa 200 milioni di euro all’anno, cioè il doppio della cifra ricavata dalle vendite legali. C’è di che restare a bocca aperta!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 21 Luglio 2024