Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Giovani e lavoro: la scelta di Miriam

C’è chi non riesce a immaginare di passare le proprie giornate dietro la scrivania di un ufficio. È il caso di Miriam Motter, proprietaria dell’Azienda Agricola Motter Miriam, una passione per l’agricoltura nata tanti anni fa, quando da piccola passava l’estate in campagna con la sua famiglia, nell’azienda agricola di suo padre. Nel 2016 la passione prende il sopravvento e, mentre finisce gli studi in grafica all’Università di Verona, Miriam fa nascere la sua azienda agricola a Tenna grazie all’aiuto economico ricevuto dal Primo Insediamento del bando europeo PSR (Programma di Sviluppo Rurale).

Qual era il progetto che hai presentato al PSR?

Volevo arrivare a una dimensione aziendale che mi permettesse di avere un reddito per far vivere me e la mia azienda. Perciò ho aumentato la consistenza di terreni e colture dell’azienda agricola di mio padre: ho piantato più mirtilli e ciliegie e realizzato un nuovo impianto di mele. Oltre a questi prodotti, coltivo anche il ribes. Finita l’università, ho fatto un corso di 600 ore a San Michele, il BPIA (Brevetto Professionale per Imprenditori Agricoli).

Come si svolge la tua giornata lavorativa?

Mi sveglio presto, specialmente durante la raccolta. Alle 6.30/7 sono già in campagna, perché è bene sfruttare la mattinata, che è più fresca rispetto al pomeriggio. Poi raccogliamo tutta la mattina fino a mezzogiorno. Dopo pranzo, invece, mi dedico alla parte più tecnica: peso la frutta che è stata raccolta e la preparo per poterla portare in magazzino. Se ci sono altre cose da fare, come ad esempio tagliare l’erba o dedicarsi ai documenti, si fanno in serata.

La tua formazione da grafica ti è stata utile?

Sì. La uso per fare comunicazione. Mi rendo conto che spesso il mondo agricolo non racconta perché ha troppe cose da fare. Manca la comunicazione verso l’esterno.

Se ti chiedessi cosa ti vedi a fare tra trent’anni, tu mi risponderesti l’agricoltrice?

Sì. Questa è una scelta di vita, perché impegna molto. Nei prossimi trent’anni mi vedo a sviluppare la mia azienda in modo più multifunzionale, dedicandomi ad altre cose oltre alla coltivazione. Ad esempio, è da qualche anno che faccio dei trasformati, come succhi di mela e confetture, che vorrei iniziare a vendere tramite Unicommerce. Inoltre, in futuro vorrei dedicarmi molto di più allo storytelling, ovverosia a raccontare l’agricoltura, e alla vendita, avvicinandomi al consumatore.

Che consigli daresti a un giovane che vuole percorrere questa strada?

Ci sono diversi ragazzi che mi hanno scritto chiedendomi: «Che cosa faresti al mio posto?». Io sono dell’idea che nella vita bisogna buttarsi. Certo però che è necessario valutare se questo lavoro può generare un reddito oppure no. Perché effettivamente la passione non basta: è necessaria anche un’entrata economica.

Cosa ti ripaga della fatica che fai nei campi?

Il momento in cui qualcuno acquista i miei prodotti trasformati e mi dice: «Mamma mia, che buono, si sente proprio il gusto». Questo mi ripaga, perché non è un prodotto industriale, c’è dietro qualcuno, e lì viene fuori. Un’altra cosa che mi ripaga, poi, è la natura. Quando poti i meleti durante l’inverno, in primavera fioriscono: è una cosa bella da vedere. Riempie. O meglio: mi riempie.  

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022