Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Giovani e lavoro: dalla laurea in Biotecnologie al lavoro oltremanica, l’esperienza della ricercatrice Claudia Vivori

Claudia Vivori è una ragazza di 31 anni laureata in Biotecnologie Mediche al San Raffaele di Milano. Dopo aver fatto qualche esperienza in laboratorio in università come studente e dopo la laurea ha iniziato un dottorato in Biomedicina a Barcellona che è durato in totale 4 anni. Dopo un anno ulteriore in cui è rimasta nel laboratorio del suo dottorato per finire il progetto, ha trovato un lavoro come ricercatore post-dottorato (“post-doc”)​ in un prestigioso istituto di Londra e si è trasferita lì proprio nel bel mezzo della pandemia.

Come hai scelto questo percorso di studi?

Non me lo ricordo bene, a dir la verità. Credo sia stata mia mamma a mettermi la pulce nell’orecchio durante l’ultimo anno di liceo, intuendo che qualcosa di scientifico mi sarebbe piaciuto… Ed aveva ragione!

È stato un percorso difficile? Cos’hai fatto dopo la laurea?

Il mio corso di laurea era piuttosto competitivo, sì, mi è piaciuto molto però e sono convinta che sia i corsi sia i tirocini in laboratorio mi abbiano preparato bene al mondo della ricerca! Il periodo più intenso è sicuramente stato il dottorato, nel bene e nel male. È un percorso molto stressante per cui bisogna essere motivati, ma ho avuto la fortuna di trovare un istituto molto accogliente e un capo che mi ha lasciato molte libertà, soprattutto di imparare. Non solo ho appreso moltissime nuove tecniche “al bancone”, ma ho anche mosso i miei primi passi per quanto riguarda la programmazione.

Com’è stata l’esperienza a Barcellona? E di cosa ti occupi ora?

Lavorare a Barcellona è stato stupendo. La città è spontanea, piena di stimoli e collegata, in poche ore di aereo, con tutta l’Europa. Durante il dottorato non ho solo lavorato, ho stretto amicizia con persone provenienti da tutto il mondo e “trovato l’amore” nel laboratorio a fianco, come spesso succede in ambito scientifico. Ora mi sono trasferita a Londra per un post-doc, un progetto che durerà altri quattro anni. Studio cosa succede alla trascrizione dei geni durante il differenziamento delle cellule staminali embrionali in neuroni, occupandomi di un mix di lavoro al bancone e di programmazione.

Un consiglio a un(a) giovane che volesse intraprendere il tuo percorso…

I corsi di biotecnologie sono tantissimi, molto diversi tra loro e con milioni di sbocchi. Anche solo tra i miei compagni di università, oltre a persone che lavorano in “ricerca accademica” come me, c’è chi ha scelto percorsi diagnostici, chi fa ricerca in case farmaceutiche, fondazioni internazionali o trial clinici, chi scrive in ambito medico o fa divulgazione scientifica, chi fa il consulente in ambito scientifico… Le/gli consiglierei soprattutto di non avere paura di fare domande, di continuare a guardarsi attorno e, con il tempo, di cercare di trovare quello per cui è portata/o. È possibile che il lavoro ideale per voi non esista nemmeno nel momento della scelta del percorso universitario. Non scoraggiatevi quindi se non lo trovate su un volantino di orientamento: lo creerete voi con le vostre esperienze!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022