Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’occhio su Trento: al cospetto del Nettuno

Foto di Ilaria Bionda

Uno dei simboli di Trento – e un elemento scenografico che contribuisce al fascino di Piazza Duomo – è senza dubbio la Fontana del Nettuno. Recentemente restaurata, è visibile oggi in tutto il suo originario splendore nella piazza principale della città.

Costruito in stile barocco tra il 1767 e il 1769 su progetto dello scultore Francesco Antonio Giongo, il monumento è collocato dove si installava, durante la festa del patrono San Vigilio, la cosiddetta “macchina dei fuochi”, ossia una costruzione decorata in legno, tela e cartapesta da cui partivano i fuochi d’artificio dello spettacolo pirotecnico.

Oltre a rappresentare un arredo urbano artisticamente di pregio, la fontana aveva l’importante compito di portare acqua salubre all’interno delle mura cittadine. Le vicende legate all’approvvigionamento idrico furono però varie e complesse, a causa delle modeste tecnologie dell’epoca.

La scelta del soggetto è stata considerata “audace” poiché veniva di fatto rappresentato il mare in una città montana, oltre a una divinità pagana come il Nettuno nei pressi di un luogo importante per la cristianità come la sede vescovile sita nel Palazzo Pretorio. Le spiegazioni di tale preferenza non sono del tutto chiare e rimandano sia ai valori dell’illuminismo e alla conseguente scelta di un soggetto laico, sia all’assonanza tra l’antico nome della città e il simbolo del dio del mare: Tridentum e il tridente.

Dal 1942, il Nettuno che ci osserva dall’alto della fontana è una copia in bronzo realizzata dallo scultore Davide Rigatti. L’originale in pietra – opera di Stefano Salterio – si trova invece protetto dalle intemperie nel cortile del poco distante Palazzo Thun, sede del municipio di Trento, in via Belenzani. Come giusto sia, intorno al sovrano del mare si trovano vari abitanti degli abissi, come tritoni e cavalli marini.

Trento non è l’unica città ad avere il suo Nettuno: le raffigurazioni del dio del mare in Italia sono numerose. Nelle piazze di altre città del nostro paese svettano, infatti, fontane simili: dalla vicina Rovereto, a Bologna e Firenze, sino alla capitale Roma e alla siciliana Messina. Inoltre, nella piazza della cittadina tedesca di Elberfeld, nel Wuppertal, si può ammirare una copia identica della fontana trentina, realizzata dallo scultore Leo Müsch.

Inizialmente criticato per l’ingente spesa, oggi non immagineremmo mai Piazza Duomo senza questo monumento di 12 metri, dalla quale sommità Nettuno osserva la frenesia della vita cittadina, vegliando su di noi e sugli incontri che giornalmente avvengono al suo cospetto.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022