Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Fake news: una bussola per riconoscerle

Foto di Sander Sammy

Alle fake news – velenose e fascinose creature che tanto facilmente riescono a sfruttare a loro vantaggio le debolezze della nostra mente e l’ardore dei nostri istinti più bassi – è difficile resistere. Vengono costruite a tavolino per manipolarci a fini economici, politici o ideologici e tutti, ahimé, in quanto esseri umani dotati di un cervello portentoso ma fallibile e di un corpo attraversato da trascinanti emozioni, ne siamo potenziali vittime.

Ma come è vero che in ognuno di noi sono presenti tutti quei requisiti che possono farci cadere nella trappola delle fake news, è anche vero che potenzialmente ogni persona ha in sé il necessario per poterle riconoscere e combattere. Come? Con un bel respiro e un po’ di sano senso critico, innanzitutto, e la pazienza di seguire cinque semplici regole.

Contare fino a 10, o magari fino a 100

È fondamentale prendersi il tempo necessario. Per fare cosa? Prima di tutto, per leggere come si deve le informazioni che incontriamo, che siano un articolo o un messaggio WhatsApp, badando di leggerlo per intero, evitando soprattutto di fermarsi al solo titolo! In seconda battuta, per riflettere e mettere in dubbio i propri preconcetti, alleati della disinformazione.

Occhio alla forma

Controllare sempre titoli e testi: sono redatti con cura, graficamente ordinati e magari ricchi di analisi e grafici? No? Allora dovrebbe suonare un primo campanello d’allarme, perché infatti le fake news contengono spesso molti refusi o errori grammaticali, testi scritti interamente in maiuscolo e orribilmente farciti da una selva di punti esclamativi, accuse e opinioni faziose. Anche il tono è importante: diffidiamo di testi gonfiati e roboanti, dei sensazionalismi, e ricordiamo che è molto più probabile che un’informazione affidabile scelga toni ponderati e pacati.

Ispezioniamo le immagini

Come per i testi, anche le immagini che accompagnano una fake news sono tipicamente esagerate, ritoccate o evidentemente fuori luogo. Inoltre, molto spesso la stessa foto viene utilizzata in più contesti diversi tra loro: una ricerca per immagini tramite browser può svelarci molto!

Le fonti, queste sconosciute

È importante verificare sempre che la provenienza delle informazioni fornite nell’articolo che stiamo leggendo sia chiaramente riportata. Inoltre, in caso affermativo, chiediamoci e appuriamo se eventuali fonti citate (organi di stampa o esperti, ad esempio) siano reali, innanzitutto, e affidabili.

E alla URL, ci pensiamo?

Immersi nella lettura di un articolo, non dimentichiamoci di buttare un’occhiatina attenta alla URL del sito che lo ospita. Accade spesso che le fake news siano riportate all’interno di siti che utilizzano URL ingannevoli, che volutamente richiamano, storpiandola, quella di importanti siti di informazione (ad esempio, “Il fatto quotidaino” o “La Rebubblica”).

In conclusione, un’ultima regola fondamentale: evitiamo di condividere! Di fronte ad articoli, post o messaggi Whatsapp che ricadono in uno o più dei casi elencati sopra – o che contengono magari energici inviti quali “Condividete!!!”, “Fate girare prima che venga eliminato!!!” – la migliore reazione è proprio non dare loro visibilità, evitando di girarli ad altri. Anche se il nostro intento fosse quello di ripubblicarli per aggiungere un commento negativo, finiremmo per contribuire lo stesso alla loro diffusione. Facciamoli agonizzare nell’indifferenza, piuttosto, contribuendo così nel nostro piccolo a interrompere l’ennesima catena della disinformazione.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022