Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Dove c’è musica, c’è emozione

Foto di Eric Nopanen, Unsplash

Chi, almeno una volta nella vita – ma sicuramente sarà successo di più – non ha avvertito un certo rimescolio d’emozioni, da qualche parte nel petto, ascoltando le note di una canzone? Che fosse allegria, romanticismo o malinconia, si trattava sicuramente di emozioni. Ma in che modo la musica esercita questo suo potere straordinario di suscitare emozioni?

Partendo dal meccanismo più semplice, spesso accade che un brano susciti in noi delle emozioni perché lo si ricollega a un determinato evento passato: quella notte in discoteca, quella vacanza, quella scena del film preferito, quella canzone alla radio mentre da bambini aiutavamo la nonna a fare i tortellini… momenti indelebili, impressi nella mente con tanto di corredo musicale. Basteranno poche note per far riemergere il ricordo, bello o brutto che sia, e con lui le emozioni ad esso collegate.

Altre volte, invece, è proprio la musica ad essere strutturata in modo da stimolare in noi specifici sentimenti, a prescindere dai nostri trascorsi, facendo leva sui neuroni specchio che reagiscono automaticamente ad alcune sue caratteristiche. Frequenza, intensità, ritmo, tono: elementi che riguardano tanto la musica quanto la voce e che entrambe modulano accuratamente suscitando nell’ascoltatore determinate emozioni. Prendiamo l’ira: che sia espressa attraverso un discorso parlato o con un brano musicale, porterà con sé i medesimi connotati – ad esempio un ritmo svelto, una forte intensità e un tono brusco – che il nostro cervello saprà riconoscere.

A questo proposito, qualche tempo fa, i ricercatori dell’Università di Berkeley hanno elaborato una mappa che mostra il diverso genere di emozioni che un ventaglio di musiche selezionate ha suscitato su un campione di circa 2.000 persone. Questa coloratissima mappa rivela – o meglio conferma quel che già intuitivamente si potrebbe immaginare – che, ad esempio, “Theme” di Schindler’s List fa sentire depressi, che “Wicked Game” di Cesar Mesa ispira desiderio ed erotismo, che “Smooth Criminal” degli Alien Ant Farm ha un irresistibile effetto energizzante e motivante.

Se invece sono delle immagini ad affiorare nella mente al suono di una melodia? Accade spesso anche questo, e l’immagine in questione a sua volta potrà far affiorare un’emozione. Ciò accade più spesso con brani strumentali, senza parlato, dove l’ascoltatore è più facilmente indotto ad associare delle immagini – recuperate da un suo repertorio di esperienze personali – alla struttura musicale. Inizia un brano, si chiudono gli occhi ed ecco che dietro alle palpebre si formano paesaggi, ambienti, colori, oppure lo spazio infinito punteggiato di stelle in cui galleggiare accompagnati dalla musica. Un prodigioso strumento riconosciuto in tutte le culture, presenti e passate, da sempre capace di raccogliere e restituire l’infinito ventaglio delle nostre emozioni.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022