Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Domestica e istituzionale: i due volti della violenza sulle donne

L’ultima giornata della 18esima edizione del Festival dell’Economia di Trento vede protagoniste anche tre giornaliste e autrici Alley Oop su un tema complesso e spaventoso come la violenza, presentata in due volumi: Ho detto no. Come uscire dalla violenza di genere, raccolta di vere storie di riscatto a cura di Chiara Di Cristofaro e Simona Rossitto e Senza madre. Storie di figli sottratti dallo Stato, saggio scritto da dieci autrici tra cui Livia Zancaner.

In Italia avviene un femminicidio ogni tre giorni, una donna su tre ha subito violenza almeno una volta nella vita ed essa ci costa 1,7 miliardi l’anno. “Non esiste un tipo specifico di donna che subisce violenza: non dipende dall’educazione, dal carattere o dall’estrazione sociale come si è portati a pensare. Il filo rosso che collega le vicende di tutte le persone che abbiamo intervistato è la difficoltà iniziale a riconoscere la violenza come tale, complice anche il sentimento di vergogna. Ma una volta raggiunta la consapevolezza, queste donne hanno avuto la forza di scappare dagli abusi e di reinventarsi”, spiega Di Cristofaro.

Dalla consapevolezza al riscatto spesso si passa per una seconda forma di vittimizzazione: quella delle forze dell’ordine, delle aule di tribunale e dei media. Quando ci si sofferma sulle ambivalenze anziché sul riconoscimento della situazione di violenza, quando la narrazione passa per parole deresponsabilizzanti come “raptus”, si insinua il dubbio sulla veridicità della vittima e la si indaga. “La famosa vignettista Anna Chicca mette in guardia: “Prima di denunciare attrezzatevi!”. È bene infatti farsi accompagnare nel procedimento giudiziario dai centri antiviolenza, che sono formati per sostenere le donne vittime di abuso: spesso la violenza nasce da relazioni affettive e tutto si complica ulteriormente in presenza di figli. Negli ultimi anni sono aumentati i finanziamenti a queste strutture importantissime ma non sono sufficienti. Si basano ancora principalmente sul lavoro di volontari e sono disposti a macchia di leopardo sul territorio: il 70% dei rifugi si trova nel nord Italia. Dispiace poi che il PNRR non sia stato sfruttato per migliorare la situazione”, prosegue Rossitto.

Senza madre racconta invece attraverso una scrittura oggettiva il dramma reale della sindrome dell’alienazione parentale, una teoria non scientifica bocciata sia dall’OMS che dalla Corte Europea ma che è stata più volte utilizzata dalla giurisprudenza italiana per l’affidamento congiunto o addirittura solo al padre violento. Dopo aver letto moltissime sentenze Zancaner denuncia una ricorrente definizione della madre come “ostativa, simbiotica e alienante” che manipola i figli affinché non vogliano vedere il padre. “La legge italiana prevede una famiglia bigenitoriale e questo fa sì che anche quando l’uomo viene riconosciuto come violento abbia diritto a un periodo di riabilitazione e alla tutela dei figli. La questione risiede nel momento in cui la madre vittima non viene creduta: è un problema di mancanza di formazione”.

Proprio quest’ultima segna una discrepanza tra la magistratura inquirente, che ha un’alta percentuale di persone educate a riconoscere la violenza di genere, e la magistratura giudicante che invece annovera solo il 24% di personale formato. “Solo coinvolgendo anche gli uomini e “indossando le lenti di genere”, come affermato dalla giudice Paola Di Nicola, si potrà giungere davvero alla rivoluzione culturale che ci serve”.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024