Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Ditelo con i fiori”: le scale per il paradiso profumano di mughetto

Ci troviamo in una zona di penombra del sottobosco prealpino. Dal terreno non ancora del tutto sbrinato fanno capolino due foglie lanceolate di larghezza compresa tra i due e i quattro centimetri, lisce e verdi brillanti. Di lì a qualche giorno tra loro si ergerà uno stelo alto circa 15-20 cm, che si piegherà ad arco sotto il peso di candidi fiorellini a forma di calice, disposti a spiga su di esso. Quando poi arriverà il caldo, si svilupperanno frutti a bacca di colore rosso, creando un piacevole contrasto con il bianco delle inflorescenze. Ogni anno nasce così il mughetto, a omaggiare la Primavera, di cui è il simbolo incontrastato.

È una pianta erbacea perenne velenosa, che, come suggerisce il suo nome scientifico, Convallaria majalis, fiorisce principalmente nel mese di maggio in convalle, suo habitat naturale. Contiene molti glucosidi cardioattivi, tra cui la Convallatossina, che lo rendono un ottimo cardiotonico e diuretico, se consumato in dosi controllate e sotto la supervisione di un medico. In cosmetica viene spesso utilizzato nella creazione di profumi per la sua fragranza delicata ma intensa. Una leggenda narra che l’usignolo attenda ogni anno la sua fioritura e, di conseguenza, il suo inebriante odore, per iniziare la ricerca di una compagna.

Il mughetto incarna i valori di castità, purezza, modestia e felicità che lo hanno reso fin dal Medioevo un ottimo riempitivo per i bouquet nuziali. Secondo alcune credenze popolari, invece, il suo aroma possiede proprietà benefiche per la memoria e, pertanto, era utilizzato durante i riti sacri.

Nel linguaggio dei fiori, poi, esso rappresenta un portafortuna, un augurio di buon auspicio, di ritrovata serenità e di felicità duratura: probabilmente derivato dal suo stretto legame con la stagione primaverile, simbolo di rinascita per eccellenza. Anche nella tradizione cristiana esistono ben tre diverse leggende sulla nascita di questo fiore: la prima lo vorrebbe sbocciato dalle lacrime di Eva costretta ad abbandonare il Paradiso Terrestre insieme ad Adamo; la seconda dalle gocce del sangue di San Leonardo durante la sua serrata lotta contro il demonio; e la terza dalle lacrime di Maria alla vista del figlio crocifisso sul Calvario.

Nella visione pagana, invece, gli si attribuiscono proprietà magiche di protezione dei giardini dagli spiriti maligni e di amuleto contro gli incantesimi delle streghe. Il mughetto è anche identificato come il fiore delle Fate, che utilizzano i suoi calici come coppe da cui dissetarsi.

In molti Paesi europei, infine, vi è la credenza che questa pianta avvicini l’uomo al Cielo, infondendogli una visione positiva e radiosa del mondo e del futuro. Questo è dovuto soprattutto alla disposizione a scalini dei fiori sullo stelo, che sembrano tendere verso l’alto e che sono valsi a questa piccola candida pianta il soprannome di “Scale del Paradiso”.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022