Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Correre fa bene… anche in città?

Foto di Clique Images, Unsplash

Certo, sulla carta fare una corsa all’aria aperta è tonificante, salutare e punteggiato da provvidenziali distrazioni – il passante, il fiore, il vento, il passero che cinguetta – che possono, anche solo per un attimo, far dimenticare il sudore versato durante la corsetta en plein air. Ma se abitiamo in città? Se attorno a noi ci sono «solo case su case, catrame e cemento», come cantava “il Molleggiato” Celentano già più di cinquant’anni fa? E se magari l’orario di punta, tra infinite code di macchine, è l’unico momento libero che abbiamo per fare movimento?

In proposito viene in aiuto un importante studio coreano del Seoul National University College of Medicine, guidato dal professor Sang Min Park e pubblicato nel 2021, che, osservando per diversi anni consecutivi un nutrito campione di coreani di età compresa tra i 20 e i 39 anni e provenienti da città diverse, ha cercato di fare chiarezza sui danni e i benefici derivati dal connubio tra sport ed esposizione all’inquinamento. Innanzitutto, il nemico numero uno, su cui si è concentrato lo studio, sono le Particulate Matter – polveri sottili – che in base alla dimensione prendono il nome di PM10 (hanno diametro di 10 micrometri e attraverso naso e laringe possono penetrare nel tratto superiore dell’apparato respiratorio) e PM2,5 (più piccole e molto più dannose, con un diametro di 2,5 micrometri che consente loro di raggiungere e danneggiare il sistema cardiocircolatorio e, secondo alcuni studi, persino il Dna).

I risultati della ricerca hanno evidenziato due punti essenziali: da una parte il rischio di malattie cardiovascolari aumenta con la diminuzione della quantità di attività fisica svolta dagli individui che vivono e si allenano in zone con basso inquinamento atmosferico, dall’altra alti livelli di attività fisica possono influire negativamente sulla salute delle persone che, al contrario, vivono e si allenano in contesti più inquinati. Tradotto: la sedentarietà fa male, in particolare se vivete in contesti salubri che consentirebbero di fare serenamente attività fisica; lo sport all’aperto fa bene, ma può diventare nocivo se vivete in contesti particolarmente inquinati. La soluzione? Moderazione. Dallo studio, infatti, è emersa l’importanza di far rientrare l’esercizio fisico nella quantità media raccomandata dalla Società Europea di Cardiologia, ovvero 5 allenamenti la settimana di 15-30 minuti di corsa/bicicletta o 30-60 minuti di camminata. Questo perché durante l’allenamento respiriamo un volume ben maggiore di aria (e relativi inquinanti) e dunque è importante, soprattutto in zone con alti livelli di polveri sottili, non praticare sport fuori casa oltre la quantità consigliata, pena la compensazione o perfino l’inversione degli effetti positivi.

Oltre a questo, mentre attendiamo che l’abbassamento del livello di inquinamento atmosferico diventi un obiettivo globale sia nelle parole che nei fatti, vale sempre la pena di seguire alcune semplici regole di buon senso. Fare sport all’aperto prediligendo i parchi e le zone verdi, il più possibile lontani dal traffico delle strade; evitare gli orari di punta e il centro città; preferire alla sera la mattina presto, quando la qualità dell’aria è migliore; e infine, visto che la pandemia, volenti o nolenti, ci ha oramai abituati molto bene all’uso delle mascherine, consideriamo di indossarle anche durante lo sport, in particolare le efficaci mascherine studiate espressamente per la pratica sportiva cittadina.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022