Contest Giornalismo Partecipativo, “Scrivere digitale: una cassetta degli attrezzi”

cartolina_carrada_anteDisinvoltura. Piacevolezza e coinvolgimento. Vivacità e semplicità accompagnate da un’eccellente professionalità: queste le caratteristiche dell’intervento “Scrivere digitale: una cassetta degli attrezzi” tenutosi giovedì 5 marzo presso la Sala Falconetto di Palazzo Geremia a Trento, nell’ambito del Contest di Giornalismo Partecipativo – Tempora Onlus 2020.

Luisa Carrada, esperta in comunicazione aziendale e vivace autrice, ha saputo coinvolgere i presenti venuti a conoscerla e interessati al mondo della comunicazione digitale. Ma cosa significa scrivere digitale? Lo svela la relatrice nel corso della serata, spiegando cosa voglia dire oggi comunicare e scrivere sul web e per il web. Con poche parole chiave, un vivace spirito narrativo e un diverso approccio al testo scritto, Luisa Carrada ha convinto il pubblico della sala, numeroso nonostante la difficile situazione sociale. Attraverso sei parole, spiegate e analizzate con coerenza e attenzione, ha aperto lo sguardo e la mente sulle difficoltà della comunicazione al tempo di internet.

 #SEMPLICITÀ’. #ORDINE. #VISIONE. #PRECISIONE. #VIVIDEZZA. #ASPETTATIVE.

Con questi comuni termini l’autrice del sito Il mestiere di scrivere ha spiegato come muoversi nel difficile mondo della comunicazione digitale. Parole che diventano strumenti per dialogare e rapportarsi con gli altri e con il mondo, non lasciate “al caso” ma “usate con la testa” e “mediate dalla volontà”. Ecco che la semplicità diventa limpidezza nei contenuti e chiarezza nella sintassi. L’ordine il capovolgere la prassi, partendo da un dettaglio per poi proseguire e allargarsi come in un’esplosione. La visione diviene l’attenzione all’insieme, tenendo a mente che il lettore ha sempre ragione, così come il cliente. Tra le parole, quella che più mi ha colpita è stata aspettativa: suscitare nel lettore la sospensione, stimolare la sua curiosità e indurlo a proseguire la lettura, trasformando il testo in immagine precisa e vivida.

Una serata alternativa, che ha proposto una concezione della scrittura e della comunicazione orientata all’utilizzo di strumenti “diversi”  che si vanno ad aggiungere alla cassetta degli attrezzi necessaria per il mestiere di scrivere.

Comunicare oggi significa parlare, stringere relazioni e nella scrittura sul web significa condividere, diffondere e, sì, anche “postare” testi e immagini. Luisa Carrada ha spiegato come questo si possa fare “usando la testa” e gli strumenti corretti. Come costruire una rete di relazioni e dialoghi, con attenzione ai contenuti e alle forme di ciò che si scrive, e con la consapevolezza che semplificazione e chiarezza sono le qualità migliori che si possano utilizzare.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la rubrica "Underword", un viaggio alla scoperta della parola "ondivago" che, uscendo dalle p ...
  • "Visioni d'Europa 2020" un percorso di incontri online per comprendere e approfondire alcuni dei ...
  • In pochi sanno che cosa significhi veramente trovarsi in una tin can sospesa tra le stelle, a tut ...
  • Apre a Trento il nuovo Soul Kitchen Bistrot. I giovani titolari Sergey Ryabstev e Davide Miccich...
  • E allora ci sediamo sul divano col telefono in mano, condannandoci alla tanto comoda tecnologia c ...
  • Per la nostra rubrica "Giovani e Lavoro" abbiamo incontrato Marco Tettamanti, giovane mastro birr ...

martedì 22 Settembre 2020