Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Come superare il blocco dello scrittore?

C’è una divertente storiella che ha per protagonista James Joyce e che Stephen King racconta nel suo bellissimo On Writing. Poco conta se sia vera oppure – com’è più probabile – inventata. Fa più o meno così: “Un amico di Joyce, vedendo lo scrittore in preda alla disperazione e capendo che quello stato era causato da difficoltà lavorative, gli chiede ‘Quante parole hai scritto oggi?’ ‘Sette’. ‘Sette? Ma, James, è ottimo per te!’ E Joyce fa: ‘Sì, ma non so in che ordine vadano’.

Tutte le persone che si cimentano con una certa assiduità con la scrittura incontrano prima o poi sulla propria strada le sette parole di Joyce. Sette parole che non vogliono saperne di mettersi in ordine, di avere un senso o di partorirne altre. E questo è un bel problema. Perché Joyce, mettendo in fila sequenze di sette parole in disordine, ha costruito i suoi capolavori, mentre noi comuni mortali non possiamo permettercelo e dobbiamo anzi trovare una soluzione diversa.

Lo so, l’avete capito da un po’: le sette parole di Joyce altro non sono che il famigerato blocco dello scrittore. Che cosa fare quando succede? Che cosa fare quando le parole sono come i fili delle cuffiette, cioè impossibili da districare? Mi sento di proporre almeno tre soluzioni che mi hanno aiutato nelle più buie occasioni. Possano aiutare tutti gli scrittori e tutte le scrittrici in cerca di salvezza là fuori.

ALCOL – A mali estremi, mali rimedi. O era estremi rimedi? Non ricordo, le birre si stanno facendo sentire. Sì, lo riconosco anch’io: la bottiglia non è mai la soluzione e blah blah blah… Ma posso garantire che un bicchiere di rosso, oltre a sciogliere la lingua, sgranchisce per bene anche le dita.

FRESH START – Premete CTRL + A e poi Backspace e, come per magia, tutto quello che avrete scritto fino a quel momento scomparirà. Forse è troppo estrema come soluzione, ma credo sia fisiologico – ma anche segno di discreta maturità – saper riconoscere il proprio limite (in questo caso la propria incapacità di scrivere una determinata cosa) e abbandonare tutto. Qui non vale il detto ‘any publicity is good publicity’: la cattiva scrittura è solo cattiva scrittura, e una bella perdita di tempo. Breve aneddoto autobiografico: originariamente questo articolo doveva essere una riflessione che incrociava educazione e guida, ma mi sono arenato sull’incipit – un bell’incipit, efficace e d’impatto, o così almeno mi pareva: “credo si possa capire molto dell’educazione di un popolo dal modo in cui i suoi membri si comportano mentre sono in automobile” – e ho deciso di lasciar perdere e di scrivere quello che state leggendo. Visto? Utile soluzione.

PROCRASTINARE – Dice: “Vabbè, tu magari cancelli tutto e dopo tre giorni ti viene l’idea del secolo che ti avrebbe svoltato l’articolo, ma ormai è troppo tardi perché nel frattempo ti sei dedicato a millecento altre cose e quella l’hai demandata. Non può esserci un’altra soluzione?”. Sì, c’è e si chiama procrastinazione. Credo che sia naturale un blocco per chi scrive. Il modo migliore per superarlo non è incaponirsi sulla pagina (né darsi all’alcol o buttare via tutto), ma salvare quanto scritto, chiudere il file, non pensarci più per un po’ e dopo qualche giorno riprovarci. Sono convinto che a quel punto le parole sgorgheranno da sè e il blocco sarà superato.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022