Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cavallette al basilico, grazie.

Photo di James Lee, Unsplash

Grilli, cavallette, tarme, vermi, formiche… Parliamo di insetti? Sì, ma soprattutto parliamo di salute, la nostra e quella del Pianeta che abitiamo, nonché di nuove e interessanti prospettive per garantire benessere alle generazioni future.

Nel mondo si contano 8 miliardi di individui, persona più persona meno, una cifra che sta aumentando a dismisura e che presto – questione di pochi decenni – potrebbe raggiungere e superare i 10 miliardi. Siamo tanti, troppi, e una buona parte di noi, quella concentrata nei Paesi più “sviluppati”, basa le proprie abitudini alimentari su due pilastri fondamentali: allevamento intensivo e agricoltura intensiva. Rispondere al nostro fabbisogno alimentare è un peso che il Pianeta fatica a sostenere e a spiegarci perché è un recente rapporto delle Nazioni Unite, il quale ci racconta, tra le altre cose, che per la produzione di 1 kg di carne si consumano dai 2.300 ai 43.000 litri di acqua, a seconda che si parli di pollo o vitello. A tutto ciò va ad aggiungersi l’anidride carbonica emessa in fase di produzione, che, se consideriamo la carne di vitello, è pari a 150 kg. Ora, se ogni singolo occidentale consuma, in media, dagli 80 ai 100 kg di carne all’anno… che il Pianeta “fatichi a sostenerci” sembra, più che altro, un eufemismo.

Bene, anzi no, male, ed ecco perché ci ritroviamo a parlare di insetti, possible virtuosa alternativa alimentare per noi e per gli animali di cui ci nutriamo. Innanzitutto, l’allevamento di insetti comporta un basso impiego di risorse, che si parli d’acqua, del cibo necessario al loro stesso sostentamento o di consumo di suolo. Un esempio? Se per 1 kg di carne di maiale si impiegano 5 kg di cibo per il maiale stesso – dati FAO – 1 kg di grilli ne impiega solo 1,7. Gli insetti poi possono essere sfamati con rifiuti organici che così si trasformano in proteine di qualità e a nostra disposizione. Inoltre, allevarli richiede fisicamente poco spazio e questo è molto importante se teniamo a mente la massiccia deforestazione che gli allevamenti più “tradizionali” comportano, direttamente o indirettamente. Insomma, il Pianeta ringrazierebbe. E noi? Beh, innanzitutto se è in salute il Pianeta lo saremmo, di riflesso, anche noi. Ma se volessimo soppesare i vantaggi diretti che il consumo di insetti porterebbe a noi esseri umani, basti sapere che le proteine degli insetti sono del tutto analoghe a quelle di carne e pesce, con un contenuto proteico che oscilla dal 18 al 30% in base all’insetto preso in esame (il vitello si aggira su un 22%); che gli insetti sono particolarmente ricchi di fibre, colesterolo buono, vitamine e sali minerali, tutti componenti essenziali per la nostra salute; che la raccolta e l’allevamento degli insetti si basano su tecniche semplici, che richiedono bassi investimenti di capitale e che quindi rappresentano un’ottima opportunità imprenditoriale.

Insomma, il mondo degli insetti edibili è una realtà senza dubbio interessante, in crescita e che sta raggiungendo importanti consensi normativi anche in ambito europeo, un primo passo verso l’apertura a questa nuova frontiera dell’alimentazione sostenibile anche nel nostro continente. Prepariamoci all’assaggio!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022