Bando generazioni 2021: “Una vita nuova”

I rifiuti, che a prima vista sembrano qualcosa di cui vogliamo liberarci, possono dar vita a dei capolavori di arte e bellezza. Con questa convinzione, Maria Vittoria Barrella e Renato Barrella, nell’ambito del “Bando generazioni 2021”, hanno portato avanti il progetto “Una vita nuova”, collaborando con l’Associazione culturale Lavisana, l’Ecomuseo Argentario, l’Associazione Alchemica e la compagnia teatrale “La Burrasca”.

In due weekend hanno organizzato una ripulitura dell’Avisio e dell’Orrido raccogliendo, assieme alla comunità, i rifiuti dispersi nell’ambiente. Successivamente, con il materiale recuperato, hanno creato diverse performance e installazioni visive. Ad affiancare le esibizioni artistiche e teatrali, due momenti di divulgazione hanno arricchito il progetto: la proiezione del documentario “Primascesa”, seguito dal dibattito con il pubblico, e la conferenza tenuta dalla Dottoressa Sofia Fedrigolli.

Nel descrivere l’organizzazione di questo progetto, Marco e Maria Vittoria hanno spiegato che il loro scopo non era tanto indottrinare il pubblico verso una determinata posizione sulla tematica dei rifiuti, quanto piuttosto imparare qualcosa da esso, suscitando confronti e dibattiti costruttivi.

“Il nostro obiettivo” spiega Marco “era quello di creare momenti conviviali, sociali e proporre un prodotto di intrattenimento che favorisse il ragionamento senza indirizzare il pubblico verso una specifica visione del mondo”.

Questo si è reso evidente in più momenti del progetto: durante i dibattiti e le conferenze, i due giovani artisti si sono mostrati neutrali sulla gestione dei rifiuti, lasciando che la comunità si esprimesse liberamente a riguardo. Secondo questo principio, anche le loro performance teatrali suscitavano riflessioni e provocazioni sul significato del termine “rifiuto” e sul suo rapporto con la società, senza esprimere preferenze su come esso vada amministrato.

Ne è emerso che, per valorizzare il rifiuto, è necessario accettarne l’esistenza sia come “negazione” di qualcosa da parte degli altri che come “parte integrante dell’ecosistema”. Solo così si può capire quando conviene riutilizzare materiali duraturi nel tempo – come la plastica – e quando, invece, sono preferibili i materiali biodegradabili. Maria Vittoria, descrivendo i dibattiti, sottolinea che queste problematiche, affrontate anche in tutti i movimenti ambientalisti, “sono state discusse dalla comunità in modo vivo: solo, in questo caso, mettendo al centro del dibattito il rifiuto anziché il fiore”.

Infine, Renato e Maria Vittoria hanno messo in risalto l’importanza della componente teatrale, in cui la performance è solo uno degli aspetti che la caratterizzano e il cui merito va a tutti coloro che hanno contribuito a crearla. Hanno, inoltre, evidenziato che lavorare al progetto “Una vita nuova” ha dato loro l’opportunità di “stare in completo ascolto delle persone e dei loro punti di vista (a livello artistico, teatrale, musicale, scenografico)” e di capire come l’arte e l’idea scarto possano essere – in qualche modo – connesse, dando vita a qualcosa di straordinario.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra rubrica "Underword", un approfondimento dedicato alle cosiddette parole intraducibi ...
  • Il quarto appuntamento della nostra rubrica "L'atleta del mese" è dedicato a Sara Simeoni, campi ...
  • Continua il percorso di UnderTrenta alla scoperta dei percorsi del Bando Generazioni 2021: oggi r ...
  • Festival dello Sport, Lilian Thuram contro la “trappola” del razzismo: una lezione di sport e ...
  • Per la nostra rubrica "Giovani e lavoro" abbiamo intervistato Davide Penna, giovane titolare dell ...
  • Per la nostra sezione Cultura, proponiamo la recensione del libro “Il movimento del mondo” di ...

domenica 24 Ottobre 2021