Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Anoressia, la storia di Manuela

Ad uno sguardo superficiale l’anoressia potrebbe sembrare un capriccio, un cercare di inseguire un ideale di bellezza che spesso ci viene “imposto” dall’esterno. In realtà c’è molto di più e Manuela, che è stata dentro a tutto questo e ne è uscita vittoriosa, ha voluto raccontarci la sua storia.

Cosa è stato a spingerti verso l’anoressia?

«L’anoressia non è altro che l’evidenza esteriore di un profondo problema interiore. Ogni persona che soffre di disturbi del comportamento alimentare deve capire quale è il suo per poter guarire. Il mio era un fortissimo senso di colpa nei confronti di una cara persona. Questo, unito a una predisposizione caratteriale ed emotiva, mi ha portata a scontrarmi con la Bestia nascosta dietro l’anoressia».

Come ti sei accorta che stava diventando una malattia?

«Il tema non è la strenua ricerca di mera bellezza e attenzione. È una sfumatura di fragilità umana inserita in un contesto in cui essere belli pare la chiave per essere amati. Il mio errore è stato dirmi “mangia un biscotto in meno”, da tre a due, da due a uno, da uno a zero. Resistenza forzata, inganno agli altri, viscido spasso che a lungo andare mi ha mangiato l’anima. Due anni nel turbine del mio stesso inganno. Era arrivato il momento di farmi aiutare. Ho digitato il numero del CDA (Centro Disturbi Alimentari di Trento) e ho detto alla ragazza che mi ha risposto: “Penso di avere un problema col cibo”».

I tuoi genitori e le tue amiche cosa ti dicevano?

«I miei genitori vedevano che qualcosa non andava ma fingevano di non capire, forse per non essere invadenti, forse per non allontanarmi. Tutti gli altri mi facevano notare che stavo dimagrendo e io ero fiera di questo».

Come ne sei uscita?

«In 3 passaggi. Il primo: aver preso coscienza che stavo male e che ero entrata in un loop mentale che mi stava soffocando. Il secondo: farmi aiutare tramite il team del CDA. Un anno di introspezione per dare un nome a quei “fantasmi dell’anima” che portano ad auto-annientarsi. Il terzo: l’apertura di un dialogo sincero e profondo con me stessa e con Luca, il mio ragazzo, oggi il mio splendido marito».

Ci racconti la tua “fioritura” dopo la guarigione?

«Pensando alla ragazzina insicura e complessata che ero, oggi sono fiera di essere moglie e mamma di due bimbi che riempiono di gioia ogni mia giornata. La mia famiglia è la risposta alla mia guarigione. È il mio orgoglio. Oggi mi sento una persona più matura, che ha imparato a conoscersi e a riconoscere i segnali di “allarme” e a gestirsi. Adoro entrare nel cuore delle emozioni, sviscerarle, commentarle, condividerle. Oggi sono anche una persona ricca di gratitudine».

C’è un consiglio che desideri dare ai nostri giovani lettori?

«Imparate a dialogare con voi stessi, a capire le emozioni, ad andare a fondo nelle cose. Ognuno ha i propri “fantasmi dell’anima”, non abbiate paura di parlarne e trovare una soluzione. Nessuno è perfetto ma tutti, in realtà, lo siamo. Solo amandosi e rispettandosi, si può abbracciare, gustare e vivere appieno la vita».

Hai coniato uno slogan che riassume il tuo percorso, ce lo sveli?

«Tocca il fantasma e… PUFF… il fantasma svanisce».

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022