L’intelligenza civica della società

Una nuova visione del mondo

Civic_intelligence_pattern369
Durante la manifestazione Smart City Exhibition 2013 a Bologna, ho avuto il piacere di intervistare Douglas Schuler, membro fondatore di Seattle Community Network (SCN) e docente all’Evergreen State College − U.S.A.

1. Che cosa intende con Intelligenza civica? Come definisce il significato di Human Smart Cities?
Ho lavorato per 15 anni sul concetto di Civic Intelligence. L’intelligenza civica è la capacità dei singoli e dei gruppi di indirizzare problemi condivisi equamente ed efficacemente, e può continuamente migliorarsi. Il concetto di Human Smart City si avvicina molto a quello di Civic Intelligence, alla cui base vi è la condivisione tra gli individui; condivisione che non avvenendo in un unico modo si traduce in una molteplicità di risultati. L’obiettivo principale della Civic Intelligence è far sì che ognuno si senta significativo e che giochi un ruolo importante nelle scelte che riguardano il proprio territorio, in modo che non siano soltanto i sindaci o, più in generale le istituzioni, a compiere le decisioni.

2. Lei è specializzato nello studio delle relazioni tra tecnologia e società. Come vede l’Italia, la sua situazione e il comportamento dei suoi cittadini?
Il mio interesse è volto a sviluppare sistemi tecnologici al servizio della popolazione per aiutarla ad indirizzare i problemi reali. Diciannove anni fa ho fondato Seattle Community Network ed eravamo i pionieri nell’utilizzo dell’e-mail e altri servizi. Ritengo che possiamo sviluppare una democratic technology per portare reali e tangibili benefici. Se c’è collaborazione tra persone, università e comunità si possono ottenere risultati migliori; le informazioni saranno maggiori, verosimilmente più scientifiche e i modi per risolvere i problemi più precisi.
Possiamo pensare l’Italia come un laboratorio, ma non il solo. Ci sono milioni di grandi progetti ideati e molti altri già in corso di realizzazione. Alcuni possono avere successo e altri possono fallire. Le problematiche connesse sono diverse e noi dobbiamo esser parte delle soluzioni, dobbiamo farci coinvolgere. Non possiamo limitarci a chiedere alle istituzioni di risolvere le cose che non vanno per noi. Sia perché le autorità non pongono attenzione se non viene mostrato interesse; sia perché esse necessitano delle nostre idee e della nostra creatività. I progetti di Civic Intelligence e di Human Smart City sono proprio volti al vivere meglio, ad avere un impatto nella vita di tutti i giorni e a capire come lavorare insieme.
Questi, per riassumere, sono i punti chiave: coinvolgere, partecipare, proporre soluzioni, pensare al futuro, delineare i problemi e i modi per risolverli. È una sorta di filosofia per arrivare a qualcosa di concreto ed efficace. La sfida è lavorare in rete, collaborare e condividere.

Leggi anche:
Smart City Exhibition 2013 – Bologna
Un antico significato di cittadino

L'alternativa
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

mercoledì 13 settembre 2017