Serena. Scopri il valore della vera amicizia

Recensione al libro di Sergio Bambarén

 

copertina

 

“I veri amici amano condividere i momenti preziosi che la vita riserva loro, come le piccole cose dell’esistenza per cui vale la pena di vivere ogni giorno. Va’ dovunque tu debba andare, e passa parola!”

Con queste semplici ma rilevanti parole si apre il libro di Sergio Bambarèn Serena, Scopri il valore della vera amicizia, edito da Sperling & Kupfer nel giugno 2001 e tradotto, in Italia, da Marina Marini.

È un breve testo che affronta uno dei temi più importanti dell’umanità, quello dell’amicizia, e che per mezzo di una piccola storia cerca di trasmettere un grande insegnamento: sono le nostre differenze a renderci unici, l’amicizia è la traduzione in emozione delle nostre diverse caratteristiche.

L’opera di Bambarèn ha quindi come protagonista assoluto il legame d’amicizia e d’affetto che unisce due cuori speciali; un’unione irrilevante per gli altri ma importante per i due personaggi; un’amicizia che supera aspetti fisici, culture e tradizioni, rendendo il racconto applicabile alla realtà.

 

ragazza

 

Serena è una ragazzina sola con due grandi passioni, il mare e la spiaggia; come poche persone ha la capacità di ascoltare attentamente, anche ciò che appare immobile o non ha bocca per parlare e, come tutti, vorrebbe avere un vero amico con cui condividere la sua passione, il suo legame con l’oceano. Un giorno sulla spiaggia incontra Dolphy, appena arrivato alla spiaggia. Quello è l’inizio di qualcosa di magico, di una riscoperta dell’altro, di un nuovo percorso che Serena si trova a seguire e che la porterà a scoperte all’apparenza semplici, ma per nulla banali.

 

spiaggia

 

Colpisce di questo autore la fluidità della narrazione e la grande chiarezza di linguaggio. Bambarèn ci porta nel mondo dolce e semplice dell’infanzia/adolescenza, quando i problemi, anche i più piccoli, spesso sembrano ostacoli insormontabili, quando l’amicizia ha ancora quel sapore di complicità e condivisione, prima del grande cambiamento che porta nel mondo degli adulti. L’autore, con grande sensibilità e delicatezza, accompagna il lettore lungo la narrazione, portandolo nella storia e facendone uno spettatore privilegiato; una sensazione consolidata dalle evocative e leggere illustrazioni di Oscar Astromujoff che corredano le pagine del libro.
Proprio per questa sua semplicità e, al tempo stesso, una certa serietà nella forma e nel contenuto trovo sia un libro adatto a tutti. È uno di quei libri piccoli ma significativi; adatti sia ad un bambino che ad un adulto: al primo, insegna un aspetto dell’essere amico, mentre al secondo fa riscoprire il sapore di qualcosa di dimenticato o accantonato dalla convinzione che essere adulti vuol dire essere completi e realizzati.

Un libro, quindi, leggero e piacevole, un modo per ritrovare il piacere della lettura e, come la protagonista, riscoprire il valore della vera amicizia.

 

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Fabiola ci parla di un #libro che raccoglie cento vite di #donnestraordinarie, esempio di grande ...
  • Articolo proposto dalla rubrica #scrittoridiclasse in cui ci viene spiegata la pericolosità dei ...
  • Arianna ci rivela le sue impressioni sul capolavoro di #Miyazaki, Il castello errante di Howl. #s ...
  • #viaggio indimenticabile alla scoperta della #Calabria e dell'associazione #Libera https://t.co/s ...
  • Il nostro autore Enrico Miorelli propone la #recensione allo #spettacolo teatrale "#Staserasonoin ...
  • La rubrica #Scrittoridiclasse propone un articolo che invita a ribellarsi alla #routine. #UnderTr ...

venerdì 14 aprile 2017