Tina Modotti. Il fiore della rivoluzione. Luce alle camere oscure

«Accetto il tragico conflitto tra la vita che cambia continuamente e la forma che la fissa immutabile»

Tina Modotti. Il fiore della rivoluzione. Luce alle camere oscure

Emigrante, rivoluzionaria, intellettuale, artista. Tina Modotti è stata tutto questo e molto di più, eppure l’unico aggettivo che le piaceva indossare era quello di fotografa.

Figlia di un socialista italiano e di un momento storico segnato dalla repressione, già adolescente si imbarca per l’America, il nuovo mondo con non meno problemi del vecchio, e trova infine in Messico il grembo fertile per lo sviluppo delle proprie idee e della propria esistenza.

Con l’apparecchio fotografico imbraccia l’arma migliore per l’affermazione non solo di una politica sociale, ma della forza vitale di un popolo, rintracciata all’interno di visioni di insieme quanto di dettagli fugaci. La processione di sombreri lungo una manifestazione, le icone simboliche di immediata potenza evocativa tanto quanto le mani callose disegnate dal lavoro, il profilo di un fiore e il profilo di un uomo, tutto parla alla sensibilità di una donna che fu moglie, amante e musa fedele alla propria coscienza mai meno di quanto lo fosse ad ogni suo ruolo.

Caleidoscopica, coraggiosa, scelse di assorbire la realtà che la circondava proponendo una visione che mescolava le utopie delle correnti surrealiste e degli scenari bohèmien al sudore e al sangue di un popolo, quello degli operai e degli agricoltori del Messico, che con la propria rivoluzione contro il potere dittatoriale di Díaz aveva ispirato tutto il mondo.

«L’arte non può esistere senza la vita», scriveva nel 1925 ad Edward Weston, suo compagno e maestro, e questa dicotomia, fonte tanto d’ispirazione quanto di lotta interiore, non avrebbe mai smesso di accompagnarla. Quando, con la violenza stalinista, il contrasto divenne insuperabile, Tina smise di scattare fotografie. La sua opera era compiuta, ma bastava già, per nostra fortuna, a riempire il futuro di quella sua dedizione alla libertà che è la più grande lezione da acquisire.


I vostri commenti all'articolo

2
  1. Giovanna

    Le frasi qui citate, sono veramente strumentalizzate! Mi dispiace e lo dico col cuore in mano che si possano estrapolare dal contesto delle frasi prese da lettere scritte da Tina Modotti e appiccicarle a piacimento quando risultano attinenti a ciò che si deve scrivere in un articolo. Non c’è bisogno di manipolare, è una grandissima artista e una donna dalle mille risorse, di un coraggio inestimabile e di una forza invidiabile in ogni caso. Per chi volesse leggere veramente una biografia autorevole su Tina consiglio vivamente a tutti di leggere ”Vita di Tina Modotti. Fuoco, neve e ombre” dell’antropologa Albers Patricia, frutto di una ricerca durata dieci anni circa.

  2. Antonella

    quando ammirevoli parole incoronano al meglio l’intensa passione di una Donna e regalano molto più che una semplice visione della realtà che è stata!.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

mercoledì 4 ottobre 2017