Invidia estiva

Se una mattina realizzassi che amici e parenti sono partiti verso azzurri lidi e verdi montagne, riempirei di tristezza la città. Forse dopo un po’ prenderei a organizzarmi la giornata, mi convincerei che non posso fare altrimenti e lavorerei.
È estate.
Le auto si riempiono di fucili, pinne e occhiali. I negozi chiudono, gli allarmi suonano incessantemente e le strade si svuotano.
Accendo il computer e giungono foto da colleghi e amici che si divertono e rilassano nei luoghi di villeggiatura dove hai sempre sognato di esserci ma che al momento non puoi permetterti perché non hai denaro, non hai un lavoro o ne hai troppo, oppure perché devi preparare un esame.
Così l’umore oscilla mentre la rabbia si alterna alla tristezza.
È l’invidia.
Colpisce tutti coloro che non sono concentrati sulla propria vita e i propri obiettivi.
È come a dire “ti guardo per distruggerti”, perché in quel momento hai ciò che mi renderebbe felice o sei quello a cui ambisco.
Invidioso è colui che non riconosce la propria gioia ma che è pronto a rivederla negli altri, magari con occhi non obiettivi.
È un segnale interiore che non va ignorato, ma colto, perché ci dice qualcosa di importante su noi stessi e sulla strada che stiamo intraprendendo.
Pertanto, non dobbiamo colpevolizzarci dei pensieri negativi che attraversano la nostra mente ma coglierli perché sono i sintomi di un malessere da cui si può “guarire”.
L’invidia scompare quando stiamo realizzando il nostro autentico bene imparando anche ad ammirare l’altro per comprendere come è riuscito a raggiungere con successo i propri obiettivi.
Scrive lo scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafón: «L’invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente di giustificare la loro grettezza e la loro avidità fino a credere che siano virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo per gli infelici come loro, che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri e di escludere, e se possibile distruggere, chi, per il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è, mette in risalto la loro povertà di spirito, di mente e di fegato». [dal libro Il gioco dell’angelo]

gioco20dell27angelo

L'alternativa
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Parla di musica il nuovo articolo, ma anche di sogni, del ruolo della donna e di #pizzicasalentin ...
  • Realtà vs finzione nei libri: creare personaggi troppo basati sulle persone reali può avere anc ...
  • Il ruolo dello humor e della letteratura umoristica. Quello che c'è dietro la risata finale ce l ...
  • La critica tagliente, ironica e appassionata di una nuova autrice: «Boicotta la tassa, vinci il ...
  • Un'attuale riflessione ed un esempio reale di una convivenza pacifica tra culture differenti, e l ...
  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...

venerdì 11 ottobre 2019