I bambini che portavano le cicogne

I bambini che portavano le cicogne

Urge ribaltare uno stereotipo e riconsegnare ai bambini il merito della nascita di tante cicogne. L’escamotage più casto e favolistico usato per spiegare ai seienni come vengono al mondo non è solo frutto dell’immaginazione di un qualche Esopo di periferia.

La vecchia Europa piaceva molto alle cicogne e con i primi profumi di primavera non era così raro vederle arrivare dall’Africa via Gibilterra o Bosforo e posarsi sui comignoli delle case. Il motivo? Il camino acceso era una fonte di calore che, oltre a scaldare le piume, agevolava la cova e la schiusa delle uova.

E cosa c’entrano i bambini? Non tutte le famiglie della vecchia Europa potevano permettersi di alimentare il fuoco in casa, se non nelle giornate invernali più rigide. In Primavera, ancor meno. Il tepore del focolare era appannaggio solo dei più ricchi o di chi aveva in casa un bebè.

Su ogni casa in cui c’era un neonato compariva quindi un nido. Per questo si cominciò a raccontare che le cicogne portassero i bambini anche se, a dirla tutta, avveniva esattamente il contrario.

 

Cicogna, dall’ebraico leale.

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...
  • Un destino già scritto da altri e riflesso negli occhi bassi dell'indifferenza. Buona lettura! ...
  • Il disagio opprimente, invisibile agli occhi, che non da tregua. Ma anche il racconto di un viagg ...
  • Un racconto immaginario - oppure no - in attesa lungo i binari ferroviari. Buona lettura! #raccon ...
  • Talvolta guardando una fotografia, l'immaginazione si unisce alle parole ed il risultato è una s ...
  • Sfatare i luoghi comuni: la divertente cronaca di un esperimento botanico. La storia di un nostro ...

giovedì 28 febbraio 2019