Oltre lo spreco

Oltre lo spreco

Per Nardino, Pino, Giovanni, Peppino e Rino la sveglia continua a suonare presto anche durante la pensione: alle 7,30 devono «iniziare il giro».

Ogni giorno, dal martedì al sabato, un furgoncino bianco con un grande logo figurante frutta, una pagnotta e un sorriso si sposta tra le province pugliesi caricando cibo buono, invenduto, da consegnare la sera stessa a una media di 90 famiglie. Pane, focaccia, pesce, verdura e frutta, latte e derivati vicini alla scadenza, dolci e quant’altro, invece di finire nell’inceneritore, diventano nutrimento per chi non riesce a comprarsi da mangiare.

Un’allegra “resurrezione” di vivande: tonnellate di alimenti buoni vengono salvati dall’immeritata discarica e reinseriti nel circuito del consumo attraverso la distribuzione a gente in difficoltà economica. È questo il lavoro del Progetto “RecuperiAmoci - Ridiamo vita al cibo”, nato nel 2010 e promosso dalla Caritas diocesana della provincia di Barletta-Andria-Trani.

Bisceglie, 55 mila abitanti, sole, mare e terra, è la sede delle attività progettuali. L’idea trova fondamento nella cosiddetta “Legge del buon samaritano” che consente alle Onlus di recuperare cibo rimasto invenduto nella ristorazione e distribuzione e donarlo. L’ambiente ringrazia, gli utenti pure. E anche gli stessi fornitori trovano utile l’iniziativa: «È un peccato buttar via la roba. Bisogna ridimensionare gli sprechi, cambiare le abitudini. Non tanto per noi quanto per il futuro dei nostri figli». Alla domanda «Perché lo fate?» rispondono all’unisono: «Abbiamo la possibilità di aiutare il prossimo senza alcun costo. Siamo soddisfatti».

Una volta portato in sede, il cibo viene pulito e razionato da una ciurma di allegri volontari in grembiule, tra risate e momenti di frenetica attività «a catena di montaggio», come suggeriscono loro stessi. Diverse le estrazioni sociali, le età, le idee, il vissuto. Sono laici e religiosi, cattolici e musulmani. Lavorano insieme e sembrano anche divertirsi. C’è chi seleziona la frutta, chi pulisce la verdura, chi imbusta il pane, chi accoglie le famiglie e non risparmia un bacio ai bambini. Il rapporto tra loro e con gli utenti va oltre il servizio reso. È uno stile di vita.

Questa tendenza – creare un collegamento tra eccesso e mancanza di cibo, informare sul tema dello spreco, lavorare in rete per un obiettivo – tende, fortunatamente, a svilupparsi: sono molte le iniziative sul nascere che propongono una sostenibilità ambientale e sociale, attraverso progetti sul campo, educazione nelle scuole, campagne di sensibilizzazione. E non può che essere necessario viste le allarmanti stime della Fao sullo sperpero degli alimenti: un terzo del cibo prodotto nel mondo viene perduto o sprecato, circa 1,3 miliardi di tonnellate l’anno. Solo in Italia, nel 2010, sono stati bruciati oltre 11 miliardi di euro in prodotti alimentari ancora perfettamente consumabili.

Qualche Nardino, Pino, Giovanni, Peppino e Rino in più, sparsi per l’Italia a recuperare cibo, ci vorrebbero proprio.

L'alternativa

I vostri commenti all'articolo

1
  1. roberto spina

    Che bella iniziativa! I miei partecipano attivamente e ad Agosto quando scendo mi piacerebbe dare una mano!

    Ps. bel pezzo Carol!

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Conosciamo Franza Sozzani, editor nel mondo della moda italiana e mondiale #moda #film #recension ...
  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...

giovedì 5 ottobre 2017