Non sprechiamo altro tempo

#voglioviverecosì

Il 2014 non è solo l’anno dei Mondiali di Calcio. È anche l’anno europeo contro gli sprechi alimentari: un’importante occasione d’informazione e sensibilizzazione sul tema delle eccedenze.
Per l’occasione Last Minute Market (spin-off dell’Alma Mater Studiorum ‒ Università di Bologna) ha promosso la campagna intitolata Un anno di lotta allo spreco.
Attivo dal 2010, ha tentato di evidenziare a livello europeo il problema degli sprechi idrici, energetici e alimentari. L’obiettivo attuale è il dimezzamento di questi ultimi entro il 2025, grazie all’approvazione di un documento congiunto tra Last Minute Market e cittadini, pubblici amministratori, europarlamentari, personalità eminenti del pensiero scientifico e culturale italiano, così come del mondo dell’informazione.

Come ha spiegato pochi giorni fa Andrea Segrè (Presidente di Last Minute Market) durante la presentazione del Rapporto 2014 Waste Watcher – Knowledge for Expo, lo spreco complessivo di cibo, dai campi, alla filiera e infine al bidone della spazzatura domestico, vale complessivamente 8,1 miliardi di euro all’anno. Ovvero 6,5 euro settimanali a famiglia per 630 grammi circa di cibo sprecato.

Sono (per fortuna) presenti validi tentativi di inversione di rotta: in provincia di Milano e di Trento è attiva l’app Bring The Food (disponibile in tre lingue).
Chiunque può scaricare l’app e registrarsi come “donatore”; mentre il soggetto interessato a ricevere i beni può inserirsi tra gli “enti beneficiari”.
Il “donatore” segnala la tipologia di cibo da distribuire e viene geolocalizzato dall’app. Il “beneficiario”, se interessato e prossimo alla posizione indicata, può bloccare gli alimenti e recarsi in loco per il ritiro. Come ogni app che si rispetti, si può diffondere un feedback nella rete: entrambi gli attori possono valutare reciprocamente efficienza e gradimento.
A vigilare sulla bontà del sistema e degli aspetti igienico-sanitari ci pensa la Fondazione Banco Alimentare con la sua ventennale esperienza. La Fondazione, infatti, verifica le condizioni del bene e accredita il donatore.

Insomma, non sarà la finale dei Mondiali di Calcio 2014, ma mi pare una partita degna di nota. Contro lo spreco, tutti in campo ben informa(ti).

377192

L'alternativa
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

martedì 3 ottobre 2017