Aspettando Babbo Natale: è il momento di festeggiare San Nicola

6 dicembre

patatabrava

Il 6 dicembre è uno dei giorni più belli dell’anno. Lo pensavo soprattutto quando avevo pochissimi anni e un po’ lo penso ancora, devo confessarlo. Perché a Molfetta (Bari) arriva San Nicola a portare i doni per i bimbi buoni. Succedeva anche a casa mia, nonostante la tradizione non particolarmente cattolica. Diversamente dalla maggior parte dei paesi italiani, dove lo stesso rito si pratica il 25 dicembre e il protagonista è Babbo Natale o Gesù Bambino, a seconda dei casi. So che succede anche a Trieste. Magari qualcuno di voi sa dirmi se accade altrove in Italia?
La storia che si ripete tutti gli anni è quella dell’impegno e dell’ingegno con cui scrivere una lettera, della scelta accurata dei desideri, della sorpresa davanti a pacchi da scartare e a vassoi pieni di cioccolate, biscotti, a volte di carbone (rigorosamente commestibile, per carità). A un certo punto della vita però si smette di essere bambini, purtroppo. E si scopre che non c’è nessun San Nicola che arriva dal mare, in realtà. Le filastrocche si ripetono più che altro per abitudine.
Tuttavia, questo non è un buon motivo per non farsi domande: da dove viene San Nicola, in realtà? Perché Saint Nicholas è diventato Santa Claus? Perché si festeggia in giorni diversi a seconda dei luoghi? Sappiamo che è vissuto nel III sec. d.C. e che è stato vescovo della città di Myra, in Turchia, in seguito è diventato santo protettore dell’infanzia. Si raccontano storie di miracoli in cui ha regalato doni a bambini poveri, salvato la vita a piccoli innocenti. «Va per mare e veste da marinaio», recita una filastrocca in dialetto pugliese: perché altrove viaggia su una slitta trainata da renne? Pare sia tornato via mare da un pellegrinaggio in Terra Santa e abbia salvato l’equipaggio della nave da una tempesta attraverso la preghiera. Per questo è anche protettore dei marinai.
Perché a Rovaniemi (Lapponia, Finlandia) si sono inventati il suo villaggio sulla linea del Circolo Polare Artico? Santa Claus, ovvero Babbo Natale, è un mito nordamericano nato in seguito al Piano Marshall della seconda guerra mondiale: si narra anche questo!
A Bari la Fondazione Myrabilia guidata da Padre Rosenthal, uno dei più illustri studiosi del St. Nicholas Center, vuole diffondere in tutto il mondo il culto del Santo indagando su origini e storia senza fermarsi in superficie. Determinati a scoprire la verità su Babbo Natale, anche solo spulciando il sito del Centro Studi S. Nicola, si leggono incredibili intrecci di storie che attraversano il mondo e i secoli evolvendosi in infiniti modi diversi: si resta ammaliati e si torna un po’ bambini.

Intanto oggi è il grande giorno, quindi per un attimo sospendiamo le domande e godiamoci la festa.

Sanda Nicole va pe mare
Sanda Nicole va pe mare,
va vestute a marenare
e meradue quant’è belle,
e ca ié sanda Nicole (2 volte).
E stasera ‘uann annusc
senza torc’ e senza luc’
e meradue quant’è belle,
e ca ié sanda Nicole (2 volte).
Allegre pellegrin sanda Nicole avà partì,
allegre marenar sanda Nicole va pe mare.
Allegre pellegrine…
Sanda Nicole iè d’argiend,
va pe mare e ammen u vient,
e ammen la mundagnole,
sanda Nicole ié tutt d’ore (2 volte).
Allegre marenar sanda Nicole va pe mare,
allegre pellegrin sanda Nicole avà partì.
Allegre marenar…
Nu sciam a mete, nu sciama mete u gran d’ore,
e sott u sole nu ‘ng mettim’ a fadegà.
Sciam a la Pugghie, u grane nest ié mature,
a la pianure nu nge ne sciam p’abbesquà
Sciam…
La, la, la, la…
Pzing o vespr nu fadegàm sott u sole,
acquann la scernàt pass, la schen dole
lassame u rngidde e la falce, ué,
avàst p’ iosce am fatt u dovere nest.
La sere ‘nge sdim tra gran e scattarul,
mangiàm, ballàm la tarantedd, sdvacàm u’zul,
snàm la rgonet sott a la lune, uè,
cantam tutt’inzim all’ariolà.
Snàm la rgonet, tra scattarul,
cantam ‘nzim all’ariolà
e sembe pe quand’ann amà cambà
stu spriesce ind o core ngiàva stà ué, ué.

L'alternativa
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Recensione allo #spettacolo di #GabrieleLavia nel lavoro "L’uomo dal fiore in bocca…e non sol ...
  • Oggi nella rubrica #scrittoridiclasse parliamo del #Simposio di #Platone e dell' #amore #omosessu ...
  • #Articolo riguardate la #difficoltà di riuscire a raggiungere i propri #sogni e non farsi #tarpa ...
  • L'#emozione di passeggiare in #montagna raccontata in questo articolo di #Scrittori di Classe. #U ...
  • Fabiola ci parla di un #libro che raccoglie cento vite di #donnestraordinarie, esempio di grande ...
  • Articolo proposto dalla rubrica #scrittoridiclasse in cui ci viene spiegata la pericolosità dei ...

giovedì 27 aprile 2017