Recensione allo spettacolo “The pride”

di Alexi Kaye Cambell, con Luca Zingaretti

The-pride_07

Leggi qui la trama dello spettacolo!

 

Se davanti ad uno spettacolo di più di due ore non ci si annoia, significa che è stato stimolante, perlomeno intrigante.

Questo vale appieno per “The Pride” di Alexi Kaye Cambell: la scrittura non è quasi mai banale e la costruzione della pièce, fra il 1958 e il 2017, pur essendo raffinata e complessa, non allontana ma coinvolge.

La scenografia è semplice ma efficace e, in particolare nel primo atto, passato e presente si alternano intelligentemente intersecando, al principio della scena, un personaggio.

Per la parte attoriale, merita una menzione di merito Maurizio Lombardi, il più credibile dei tre, il quale, con eleganza e cura dei particolari, dà sfumature differenti al suo personaggio nel passato rispetto a quello immerso nell’attualità. Più rigido Zingaretti, soprattutto nel presente, il quale sembra trattenuto e non riesce a dare uno schiaffo “chiassoso” in una delle scene più drammatiche. Non del tutto convincente neppure Valeria Milillo; personalmente ho trovato quasi fastidiosa la sua interpretazione dell’amica “frociarola”.

In conclusione un’opera a cui comunque assistere, in cui il coraggio omosessuale è quasi un espediente per sondare le questioni dell’identità, che riguardano tutti noi.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

mercoledì 4 ottobre 2017