Niccolò Fabi: “Ecco” il regalo di Natale

“Mi basterebbe essere padre di una buona idea”.

Niccolò Fabi: “Ecco” il regalo di Natale

È il messaggio iniziale del settimo lavoro discografico del cantautore romano, che rompe i tre anni di silenzio dall’ultimo album Solo un uomo del 2009. E sembra che questa volta, più di tutte, gli possa essere riconosciuta a pieno titolo la paternità di un’ottima idea.

Gli 11 inediti sembrano la somma di un lavoro consapevole, maturo, in cui nulla è lasciato al caso, nemmeno la leggerezza musicale, forse un po’ disillusa, che ha spesso caratterizzato le sue canzoni. Si parte con Una buona idea appunto, canzone dal ritornello radiofonico ma con il testo più impegnato del disco, con riflessioni sulla vita sociale e politica, di cui l’autore (ma anche tutti noi, diciamoci la verità) si sente orfano.

Si passa poi a ballate più delicate come Indipendentemente, dove si riconosce il tocco ai fiati di Roy Paci, o Elementare, in cui parole lievi e poetiche si fanno spazio tra gli archi dell’accompagnamento. Non mancano i suoni più elettronici de Le cose che non abbiamo detto, che ricordano gli esordi del cantautore (ormai 15 anni fa), ma anche le note vintage di Lontano da me, che tocca i temi del viaggio, spesso ripreso da Fabi, nel senso più profondo del termine, visto come perdita, ricerca ma soprattutto scoperta, di se stessi prima che di tutto il resto.

Una nota particolare per Sedici modi per dire verde, che dal primo ascolto rapisce: se il primo brano è una dedica agli “orfani” di qualcosa, questo sembra scritto per tutti coloro che sono alla ricerca e non si sono arresi. «Una strada di terra che inizia ai confini del niente e il mio tutto che ancora si ostina a cercare una via» è così che comincia e si conclude questo pezzo, come in un cerchio, dalla melodia un po’ blues e coinvolgente, che come una favola sembra accompagnare l’uomo alla scoperta di una strada, qualunque essa sia, nel faticoso viaggio della vita, dal quale però ci si salva in un modo o nell’altro.

Accompagnato dagli amici musicanti Pier Cortese e Roberto Angelini, Fabi ci regala un racconto in musica, più che un semplice disco, con i messaggi incisivi e profondi dell’uomo ormai segnato dal tempo e dalle intemperie della vita, ma che con gli occhi di un ragazzo intravede ancora l’arcobaleno. Ecco.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

giovedì 5 ottobre 2017