Er trapizzino

Er trapizzino

Chi passa da Roma non può assolutamente perdere il trapizzino. Tra le meraviglie che la città eterna offre, questa è senz’altro la più nuova e per ora non si trova nei libri di storia, ma è altrettanto irrinunciabile. La cucina romana è una gioia per il palato e le papille gustative, ma nulla batte il trapizzino in termini di gusto e apporto calorico. Questa specialità è nouvelle cuisine in senso lato, ma non ha nulla a che vedere con quei piattini striminziti e artisticamente pretenziosi che generalmente la caratterizzano. Il trapizzino altro non è che la concretizzazione di una delle pratiche da tutti preferite: la scarpetta col pane. Il nome è una crasi tra la parola pizza (la cui pasta è alla base di questa specialità) e il tramezzino, dal quale prende la forma triangolare. Questo triangolo di pizza bianca, costruito a mo’ di tasca, viene farcito con specialità romane gustosissime, tra le quali polpette al sugo, trippa, coda alla vaccinara e pollo alla cacciatora.

Lo potete mangiare nel luogo preciso dove è nato, nel quartiere Testaccio, accanto a Piazza Santa Maria Liberatrice. Non aspettatevi tavoli e sedie, il trapizzino è un cibo “da passeggio”. Godetevelo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021