Calgary 1988. Il bob giamaicano

Calgary 1988. Il bob giamaicano

Giochi olimpici invernali di Calgary 1988. Il ghiaccio racconta la storia di Devon Harris, Dudley Stokes, Michael White e Samuel Clayton. La partecipazione olimpica della Giamaica desta un interesse clamoroso. Quattro neri su un bob non si erano mai visti. L’idea di una Federazione Giamaicana nasce appena l’anno precedente, davanti ad un bicchiere di rum in un locale notturno della capitale. L’uomo d’affari George Fitch assiste a una delle tipiche gare di carretti che si svolgono per le strade della splendida isola caraibica. I ragazzi giamaicani imparano fin da piccoli a dare una spinta vigorosa, al momento della partenza, a dei rudimentali mezzi a quattro ruote su cui si sfidano in una corsa sfrenata, proprio come nel bob. L’imprenditore William Maloney coglie la folgorazione dell’amico e insieme danno vita al sogno giamaicano.

Il reclutamento dei partecipanti al progetto inizia con una serie di annunci sui giornali e manifesti affissi per le strade di Kingston che si rivelano, però, un buco nell’acqua. Fitch e Maloney, allora, chiedono aiuto a un colonnello dell’esercito, che trova tre reclute più o meno volontarie: Michael White, Dudley Stokes e Devon Harris. A questi si unirà Samuel Clayton, ingegnere ferroviario, attratto dalla proiezione cinematografica di una serie dei più sbalorditivi crash mai avvenuti sulle piste di ghiaccio, con il sottofondo della colonna sonora di Top Gun.

All’esordio, l’equipaggio dimostra tutti i propri limiti tecnici: durante la prova, il pilota Dudley Stokes, nell’affrontare la curva Kriesel a 136 km/h, perde il controllo del mezzo facendo ribaltare il bob. L’esito della gara è disastroso ma la squadra raccoglie la simpatia del pubblico di tutto il mondo, per la unicità di un equipaggio che la neve l’aveva vista solo in televisione. La nazionale giamaicana di bob non riuscirà a coronare il sogno olimpico ma verrà ricordata per la tenacia, l’impegno, la determinazione e la grande simpatia. Nel 1993, le gesta degli atleti giamaicani ispireranno la Disney per la produzione di Cool Runnings – 4 sotto zero, un film che riscontrerà un grande successo tra il pubblico. Nel 2001, la Giamaica del bob raggiunge un obiettivo incredibile: la squadra vince la medaglia d’oro ai Campionati del mondo di spinta.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per informarsi bene bisogna avere buona capacità di #interpretazione e #menteaperta. https://t.co ...
  • #Mappiato: viaggio intorno al mondo con le canzoni di Franco #Battiato https://t.co/Gx0aK44cOW h ...
  • Un'interessante intervista sulle #dipendenze contemporanee​. https://t.co/S1o5PAun9b https://t.c ...
  • La difficoltà di essere davvero informati e aggiornati nel labirinto di #troll #fake nella socie ...
  • #Leggere che passione! Così tanti libri e così poco tempo per leggerli... https://t.co/hMCprdnvHH ...
  • Meravigliarsi è una cosa meravigliosa. Ma siamo ancora capaci di farlo? #meraviglia #tecnologia h ...

giovedì 5 ottobre 2017