A Vanvera

Remiture

BDv Ftto foto avanvera

Ci sono momenti nella storia di una band in cui si ha la chiara sensazione di aver fatto qualcosa di bello e importante, non necessariamente per il mondo intero, ma almeno per se stessi. Non c’è nulla di più soddisfacente di fare ciò che si vuole, come si vuole e ottenere il risultato che si desidera.

L’emozione che ne deriva è tra le più forti e credo che questo abbiano provato i Remiture, giovane gruppo del Nord-Est d’Italia, una volta concluse le registrazioni di A Vanvera.

Uno splendido bricolage del miglior rock alternativo italiano degli ultimi dieci anni. C’è dentro un po’ di tutto: dalla furia cieca di band come i One Dimensional Man, alle melodie sghembe dei Verdena.
Alcuni pezzi erano già presenti nel precedente EP, Nel Posto del Cane, e sono stati ri-registrati con maggiore accuratezza e attenzione ai particolari sonori. A farla da padrone sono le chitarre, vere protagoniste del suono della band, e la voce particolarmente espressiva del cantante. I testi, infine, si alternato tra sarcasmo e cinica disillusione post-adolescenziale.

Certe opere non hanno tempo o età, la musica rimane su tutto mentre noi e il mondo inesorabilmente cambiamo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 13 luglio 2018