Tu chiamale se vuoi, ferie

lavorare-in-ferie

Il periodo della programmazione vacanze volge al termine. Ci sono stati i vacanzieri di giugno, che miravano alle tariffe fuori stagione e alle temperature poco afose. Quelli di luglio, consapevoli del rischio calura e dei bagni di gente ed i villeggianti di agosto, pronti a tutto.
E poi i vacanzieri per caso, quelli del “se per caso trovi un fine settimana appetibile in una località low cost, fammi sapere che vengo anche io”.
Questi ultimi non hanno ferie, sono i vacanzieri senza vacanza. Sono quelli con il telefonino sempre acceso, quelli del download e-mail ad ogni wifi, sono i maestri della sacra arte della sparizione silente.
Pochi sanno quando, dove e se partiranno. Ai conoscenti, ai committenti e ai possibili datori devono sempre dare l’idea che alla minima necessità, al minimo aumento del numero di ore lavoro, all’ampliamento attività: i senza ferie ci saranno.
Sono reperibili ed arruolabili, sono precari e sempre pronti. Come bravi e leggiadri guerrieri, si muovono nella penombra e organizzano la loro “non assenza” effettuando abile stretching tra i lavori accettati e accettabili.
Nella ricerca di soluzioni al problema “vado in vacanza se per caso”, c’è chi ha sognato il teletrasporto e chi ha immaginato rapimenti alieni… e poi c’è chi ha pensato ad una guida per apprendisti ninja del terzo millennio.

Due ragazze hanno creato Io viaggio da sola – Itinerari precari, una raccolta di consigli e storie di due come noi che amano viaggiare. Sono donne, hanno lavori precari e la scorsa estate hanno provato a trasformare il loro amore per i viaggi low cost in un vademecum per i naviganti del mar atipico.
I soldini per il progetto, per una volta senza co.co., li hanno raccolti grazie ad una campagna di crowdfunding. Sono adesso in rete pagine di consigli sui primi due viaggi (Breslavia − Praga − Budapest e Croazia). Come andare? Dove alloggiare? Come spostarsi? Cosa vedere?…. Quanto prelevo prima di partire?
Insomma, tra computo del budget e strategie di sparizione apparente, sembrerebbe che usare termini come relax o viaggio sia quasi inopportuno.

Nonostante tutto, i precari rimangano attaccati con un piedi agli anni ’80 e le chiamano “ferie”. Si è creata una condizione paragonabile all’attaccamento della suola della scarpa ad una gomma da masticare: i precari vanno avanti ma qualcosa li lega al passato. Questi figuri continuano senza sosta a parlare di giorni di riposo, usano termini in disuso tanto quanto la banca ore delle buste paga dei loro genitori.
Sono testardi e risoluti, sono sognatori.

ferie

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Cambiamento come aspetto positivo: in tutti i sensi. In questo nuovo articolo, una nostra autrice ...
  • Una tragicommedia dal retrogusto un po' amaro: grandi protagonisti e tema molto attuale per quest ...
  • I VENERDÌ VIZIOSI! L'IRA: dalla letteratura alla filosofia, peccato capitale o stato d'animo i ...
  • Da Van Gogh a Segantini: i pittori tormentati e le tragedie delle loro vite che si rispecchiano i ...
  • Questo articolo ci è piaciuto davvero molto! Leggetelo anche voi! Non è #pessimismo, è #Scienz ...
  • Vivere assieme, senza pregiudizi, senza erigere mura. Queste le premesse per un'Europa davvero Un ...

lunedì 19 novembre 2018